“Dobbiamo trovare un’intesa sulla proposta per regole condivise sul bilancio Ue. Sì a regole di bilancio rigorose, ma il rigore non sia ottuso e cieco, ma abbia come obiettivo la crescita, tenendo conto di fenomeni come il rallentamento dell’economia cinese e le conseguenze della guerra in Ucraina”. Sergio Mattarella interviene sulle regole di Bilancio europee e quindi sulla fondamentale battaglia sulla riforma del Patto di stabilità. E lo fa a suo modo dopo un lungo colloquio con il presidente tedesco Frank Walter Steinmeier con il quale ha facilità di dialogo e piena sintonia. Il presidente della Repubblica di più non può dire ma nella franchezza che da anni caratterizza i suoi colloqui con “l’amico” Steinmeier si capisce la preoccupazione del capo dello Stato per un negoziato che si avvicina a scadenza (entro fine anno se non si trova un accordo o una proroga torna il vecchio Patto di stabilità) in un clima di diffidenze. E allora filtrano alcune interpretazioni sulle sue parole che certamente saranno piaciute al governo Meloni che sin dall’inizio si batte contro un rigorismo, appunto, ottuso.

Ma la realtà è più complessa: Mattarella di fatto ha spiegato a Steinmeier quanto in questa fase il rigorismo tedesco e di alcuni Paesi dell’area nord d’Europa possa essere pericoloso. Troppe cose sono successe per tornare al passato: dalla pandemia alla guerra in Ucraina, senza dimenticare il rallentamento dell’economia cinese ed il ritorno dell’inflazione. Ecco perchè il monito di Mattarella deve essere letto con attenzione: si tratta di un invito a tornare alla politica e come tale deve essere letto anche dal governo. Il rischio di arroccamenti o conflittualità in ambito europeo deve essere superato con una politica propositiva. Questi ultimi tre mesi del 2023 saranno determinanti e posizioni isolazioniste come quella dell’Italia sull’approvazione del Mes riducono solo i margini di manovra nel negoziato – ben più importante – sul Patto di stabilità. Per questo Mattarella e Steinmeier stanno lavorando insieme per trovare una posizione comune di Italia e Germania sul Bilancio europeo. Realismo e trattativa per spiegare ai rigoristi le ragioni dell’Italia che certamente Mattarella ritiene valide. Il presidente tedesco si mostra d’accordo e aggiunge come l’amicizia tra Roma e Berlino sia “un’assicurazione contro i nazionalismi e contro i separatismi, contro tutto ciò che crea divisioni ed incertezza”. Affrontato infine anche il dossier migranti che domani si espliciterà con una visita congiunta in un centro di accoglienza. Il governo tedesco anche oggi ha fatto sapere che la Germania si sente “oberato” dall’altissima presenza dei migranti, facendo ben capire quali siano gli orientamenti tedeschi. Mattarella, instancabile nella ricerca del dialogo politico, ha ripetuto più volte come solo insieme Germania ed Italia “potranno contribuire a rafforzare gli intenti utili a raggiungere le soluzioni migliori per superare gli ostacoli che abbiamo davanti”. Serve dialogo europeo e serve al governo un’accelerazione di negoziato europeo.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//thefacux.com/4/6884838