VIPITENO. Con la chiusura degli impianti di Racines si chiude la stagione invernale anche nell’Alta Val d’Isarco. I militari tirano le somme sull’attività di soccorso e vigilanza piste di Racines garantita dall’Arma da ormai 50 anni. È stato infatti celebrato lo scorso 16 marzo il 50esimo compleanno dell’impianto sciistico, un anniversario caro anche ai militari, consapevoli di aver contribuito alla sicurezza degli sciatori per un mezzo secolo di vita.

Importanti anche quest’anno le cifre: da inizio stagione sono state eseguite dai carabinieri sciatori 336 operazioni di soccorso, con impiego giornaliero di 3 militari. La maggior parte degli interventi si è verificata nella fascia oraria compresa tra le 11 e le 12 e per la stragrande parte dei casi ha riguardato delle cadute accidentali o delle collisioni tra diversi sciatori.

L’intervento dei militari si è concentrato per lo più sulle attività di soccorso, come quando, nei giorni antecedenti il natale, caddero degli alberi su di un impianto di risalita. In quell’occasione almeno 70 persone rimasero bloccate in aria e purtroppo 7 di loro rimasero ferite. Anche in quell’episodio sono stati i carabinieri a fornire le prime cure del caso, riuscendo poi a portare a valle i feriti per il successivo trasporto in ospedale.

Non sono mancate tuttavia anche attività di controllo e di ispezione alle baite. Diverse persone sono state sanzionate per il mancato rispetto della segnaletica, in particolare coloro i quali salivano con le pelli sulle piste impiegate dagli sciatori. Anche le baite sono state controllate durante il corso della stagione, in alcuni casi anche con il contributo dell’Ispettorato del lavoro della Provincia, da cui sono emerse alcune inadempienze in materia di lavoro quali ad esempio la mancata formazione dei dipendenti sulla sicurezza o la mancata verifica degli impianti elettrici. Regolare la posizione dei lavoratori per questa stagione invernale.

La gratitudine ai soccorritori si è manifestata anche in occasione del 50esimo anniversario, dove i carabinieri sono stati ringraziati personalmente da tutta la società degli impianti di risalita per la pluriennale collaborazione reciproca.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//whazunsa.net/4/6884838