Il più grande terremoto che abbia colpito Taiwan negli ultimi 25 anni ha ucciso finora almeno nove persone, ferendone più di un migliaio. Ma sono decine i dispersi e gli intrappolati sotto le macerie oppure nelle miniere di carbone, come i 70 lavoratori sorpresi nelle viscere della terra dal violento sisma di magnitudo 7.4, secondo l’Usgs americano, o 7.2 nella rilevazione delle autorità di Taipei. Nel 1999 la scossa di 7.6 uccise circa 2.400 persone e danneggiò o distrusse 50.000 edifici.

La contea di Hualien, quella sulla costa orientale che la tradizione vuole come ‘la prima ad essere accarezzata dal sole che nasce’, è stata l’epicentro del terremoto che ha fatto tremare con grande intensità l’intera isola intorno alle 8 del mattino (le 2 di notte in Italia) e sorpreso quanti si stavano recando al lavoro e a scuola; oltre a far scattare un allarme tsunami rientrato solo qualche ora dopo. Le televisioni taiwanesi hanno trasmesso immagini di edifici inclinati e contorti in angoli precari vicino all’epicentro, che è stato individuato poco fuori la costa a una profondità di circa 15 km.

 

 

I primi soccorritori hanno usato semplici scale per aiutare le persone bloccate ad uscire dalle finestre, mentre nelle parti montuose interne si sono verificate le grandi frane all’origine di almeno quattro vittime. A Taipei l’iconico grattacielo ‘101’ ha oscillato pericolosamente sia per la prima scossa sia per quelle successive di assestamento, mentre la metropolitana e i treni ad alta velocità sono stati bloccati per ispezioni di sicurezza.

 

 

L’agenzia nazionale dei vigili del fuoco ha comunicato che erano in corso gli sforzi per evacuare decine di persone intrappolate nei tunnel vicino alla città di Hualien, tra cui due tedeschi, poi liberati. Mentre si sono persi i contatti con 50 turisti a bordo di 4 minibus diretti ad un hotel nel parco nazionale di Taroko, in vista del lungo ponte festivo.

Il Centro per la scienza e la tecnologia di Taiwan ha riferito inoltre che un centinaio di persone e veicoli sono rimaste bloccate nei tunnel di Jinwen e Daqinqshui sotto le montagne di Hualien. “Al momento la cosa più importante, la massima priorità, è salvare le persone”, ha detto il presidente eletto William Lai, parlando all’esterno di uno degli edifici più danneggiati nella città di Hualien, la cui contea è rimasta tagliata fuori dal resto dell’isola tra crollo di ponti, frane e rottura della rete stradale.

La stessa aeronautica militare di Taiwan ha dovuto fare i conti con il sisma: 6 jet da combattimento F-16 sono stati danneggiati in modo lieve in una delle basi principali della città da cui spesso decollano per respingere le incursioni degli aerei cinesi, ma la previsione è che “tornino in servizio molto presto”.
I media statali di Pechino hanno riferito che il sisma è stato avvertito fino a Shanghai, ma soprattutto nella provincia del Fujian, che si trova di fronte a Taiwan.

Le scosse di assestamento potrebbero andare avanti per quattro giorni, hanno avvertito gli esperti: sono più di 50 quelle registrate oggi, di cui almeno una ventina sopra magnitudo 4. “L’epicentro è stato vicino alla superficie e il terremoto è stato avvertito in tutta Taiwan e nelle isole al largo”, ha affermato Wu Chien-fu, direttore del Centro sismologico della Central Weather Administration di Taipei.

 

Video Terremoto a Taiwan, edifici crollati nella contea orientale di Hualien

 

La maggior parte dell’elettricità è stata ripristinata, ha riferito in serata l’utility Taipower, mentre le due centrali nucleari dell’isola sono considerate al sicuro. Foxconn, il più grande assemblatore di iPhone, ha fermato alcune linee di produzione ma ha aggiunto che le normali operazioni sono gradualmente riprese. Taiwan Semiconductor Manufacturing Co (Tsmc), leader mondiale dei microchip e importante fornitore di Apple e Nvidia, ha riferito che “per garantire la sicurezza del personale, alcuni impianti sono stati evacuati”. La produzione è stata sospesa per il resto della giornata e solo giovedì il quadro sul possibile impatto sarà più chiaro, anche su scala globale. Le sue azioni hanno chiuso alla Borsa di Taipei in calo dell’1,3% mentre l’indice Taiex (-0,63%) ha sostanzialmente ignorato l’impatto del terremoto.  

 

Video Terremoto a Taiwan, danni e macerie vicino all’epicentro nella contea Hualien

 

 

La Casa Bianca: ‘Pronti ad aiutare Taiwan’

La Casa Bianca ha annunciato che gli Stati Uniti sono “pronti” ad aiutare Taiwan, colpita da un forte terremoto di magnitudo superiore a 7 che ha causato almeno 9 morti e 900 feriti. “Gli Stati Uniti sono pronti a fornire tutta l’assistenza necessaria”, ha detto in una nota Adrienne Watson, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, precisando che l’esecutivo americano sta “monitorando” le conseguenze del terremoto a Taiwan “e il suo potenziale impatto sul Giappone”. 

Cina, disposti a fornire assistenza dopo sisma a Taiwan

La Cina è “molto preoccupata ed esprime le sincere condoglianze ai connazionali di Taiwan colpiti dal disastro” del violento terremoto di magnitudo 7.4 registrato questa mattina sulla costa orientale dell’isola. E’ quanto afferma una portavoce dell’Ufficio per gli affari di Taiwan del governo centrale, precisando che “presteremo molta attenzione al disastro e alle situazioni successive e saremo disposti a fornire assistenza in caso di catastrofe”.

Il premier indiano Modi, ‘addolorato per il sisma a Taiwan’

 “Profondamente addolorato per la perdita di vite umane dovuta al terremoto di oggi a Taiwan”. Lo scrive su X il premier indiano Narendra Modi, esprimendo “le nostre più sentite condoglianze alle famiglie in lutto e l’augurio di una pronta guarigione ai feriti”. “Siamo solidali con il popolo resiliente di Taiwan mentre sopporta le conseguenze e si riprende”, conclude Modi. 

Michel, assistenza Ue a disposizione di Taiwan

“Il mio sincero sostegno va a tutte le persone colpite dal terremoto di Taiwan. E le mie condoglianze alle famiglie delle vittime”. Lo scrive su X il presidente del Consiglio Ue, Charles Michel, in merito al forte terremoto che questa mattina ha colpito l’isola. “L’Ue è pronta a fornire tutta l’assistenza necessaria”, aggiunge Michel.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//debaucky.com/4/6884838