Home Fantascienza Star Trek: Section 31 – il film con Michelle Yeoh ha iniziato le riprese, rivelato il cast completo

Riprese in corso per Star Trek: Section 31, il film spinoff di “Star Trek: Discovery” con il premio Oscar Michelle Yeoh.

1 Febbraio 2024 09:32

Star Trek: Section 31, il film con il premio Oscar Michelle Yeoh, prodotto da Paramount+, ha iniziato le riprese. Insieme all’annuncio è arrivata una prima foto dal set e l’elenco completo del cast principale.

“Star Trek: Picard” Final Season Advance Screening & Conversation

In questo spin-off della serie tv Star Trek: Discovery, sono presenti anche Omari Hardwick (Power), Kacey Rahl (Hannibal), Sam Richardson (Ted Lasso), Sven Ruygrok (One Piece), Robert Kazinsky (Pacific Rim), Humberly Gonzalez (Ginny & Georgia) e James Hiroyuki Liao (Barry).

Il commento del produttore esecutivo Alex Kurtzman:

E noi andiamo alle gare! Sono entusiasta di annunciare che le riprese principali di Star Trek: Section 31 sono iniziate. Diamo il benvenuto al nostro incredibile cast di nuovi personaggi che si uniscono alla nostra amata Michelle Yeoh nella sua prossima avventura selvaggia attraverso l’universo di “Trek”.

Nel film, “L’imperatore Philippa Georgiou (Yeoh), si unisce ad una divisione segreta della Flotta Stellare incaricata di proteggere la Federazione Unita dei Pianeti e affronta i peccati del suo passato”. Yeoh riprenderà il ruolo di Philippa Georgiou interpretato in “Star Trek: Discovery” con le riprese che si svolgeranno dal 29 gennaio alla fine di marzo.

Yeoh parlando in precedenza del suo ritorno in Star Trek aveva dichiarato:

Sono più che entusiasta di tornare nella mia famiglia di Star Trek e nel ruolo che ho amato per così tanto tempo. La Sezione 31 è stata vicina e cara al mio cuore da quando ho iniziato il viaggio interpretando Philippa fino in fondo. quando è iniziata questa nuova era d’oro di Star Trek. Vederla finalmente raggiungere il suo momento è un sogno diventato realtà in un anno che mi ha mostrato l’incredibile potere di non rinunciare mai ai propri sogni. Non vediamo l’ora di condividere cosa c’è in serbo per voi, e fino ad allora: vivi a lungo e prospera (a meno che l’imperatrice Georgiou non decreti diversamente)!”

Kurtzman ha aggiunto: “Nel lontano 2017, prima ancora che la prima stagione di Star Trek: Discovery fosse trasmessa, Michelle ebbe l’idea di fare uno spin-off per il suo personaggio, Philippa Georgiou. Ha aperto nuovi orizzonti come una delle prime due donne sullo schermo nel pilot per inaugurare una nuova era di Trek, e ora, sei anni dopo, Star Trek: Section 31 arriva finalmente sulla scia della sua ultima rivoluzionaria vittoria. Tutti i membri del Team Trek non potrebbero essere più entusiasti di chiedere alla nostro leggendaria amica di tornare a casa da noi mentre espandiamo la nostra narrazione in angoli nuovi e inesplorati del Trekverse. Lunga vita all’Imperatore Georgiou; lunga vita a Michelle Yeoh!”

Domenic DiMeglio, chief marketing officer e responsabile dei dati presso Paramount Streaming, ha aggiunto:

Siamo entusiasti che Star Trek: Section 31 sarà il prossimo titolo nel nostro universo di Star Trek. Michelle Yeoh è un talento incomparabile: ha portato l’Imperatore Georgiou a vita in un modo così incredibilmente divertente e ricco di sfumature che il personaggio è diventato immediatamente uno dei preferiti dai fan. Siamo così entusiasti di dare il bentornato a Michelle nella famiglia di Star Trek e Paramount+ e non vediamo l’ora che i fan vedano cosa ha in serbo questo speciale evento cinematografico.

David Stapf, presidente di CBS Studios, ha dichiarato:

Per anni non vedevamo l’ora che Michelle Yeoh tornasse un giorno in Star Trek. La sua potente interpretazione nei panni del Capitano e Imperatore Georgiou è stata un momento cruciale per il ritorno del franchise, e la sua “La rappresentazione ha avuto risonanza tra i fan di tutto il mondo in moltissimi modi. Non potremmo essere più orgogliosi di unire le forze con Michelle ancora una volta mentre continuiamo a esplorare l’universo di Star Trek, a celebrare la sua eredità e a tracciare un percorso per il futuro del franchise.

Olatunde Osunsanmi regista di episodi di Star Trek: Discovery e del lungometraggio Il quarto tipo dirigerà “Star Trek: Section 31” da una sceneggiatura Craig Sweeny (Star Trek: Discovery, Medium, Limitless).

La “Sezione 31” nel franchise di Star Trek

La Sezione 31, nell’universo di Star Trek, è un’organizzazione autonoma di intelligence e difesa che svolge operazioni segrete per la Federazione Unita dei Pianeti. Creata da Ira Steven Behr per l’episodio “Inquisizione” di Star Trek: Deep Space Nine, l’organizzazione doveva fungere da contrappeso alla rappresentazione utopica della Federazione. Le ambientazioni e i personaggi della Sezione 31 sono apparsi in dozzine di episodi, romanzi e fumetti.

Lo showrunner Ira Steven Behr è stato ispirato da un dialogo dell’episodio in due parti “La ribellione” ( “The Maquis”) di Deep Space Nine pronunciata dal comandante Benjamin Sisko: “È facile essere un santo in paradiso”. Behr ha questo proposito ha detto: “Affinché la Terra sia un paradiso nel ventiquattresimo secolo? Beh, forse è perché c’è qualcuno che veglia su di essa e fa cose brutte a cui nessuno vuole pensare”. Ha espresso interesse nell’esplorare come fosse realmente la vita per coloro che vivono nell’immaginario 24esimo secolo, aggiungendo “È questo il paradiso, o ci sono, come ha detto Harold Pinter, ‘donnole sotto al mobile bar’.”

Il nome, Sezione 31, viene spiegato nella storia come preso dalla Carta costitutiva della Flotta Stellare: Articolo 14, Sezione 31. L’articolo, secondo gli agenti, consentiva l’adozione di misure straordinarie in tempi di estrema minaccia. Tali misure includevano il sabotaggio doloso delle installazioni e della tecnologia nemica, la guerra biologica e l’assassinio preventivo.

Il costumista Bob Blackman ha scelto i costumi di pelle nera indossati dagli agenti della Sezione 31 per apparire fascistoidi. Behr aveva chiesto costumi neri scuri, severi e dall’aspetto ostile. Nel romanzo Star Trek: The Human Frontier, Michèle e Duncan Barrett spiegano che gli agenti della Sezione 31 che non indossano le uniformi della Flotta Stellare o non si vestono come cittadini della Federazione hanno ulteriormente rafforzato il loro ruolo di organizzazione non vincolata dall’etica.

Lo scrittore David Weddle ha detto che molti fan ritengono che la Sezione 31 abbia tradito il sistema di valori creato da Gene Roddenberry, mentre altri erano indifferenti o incuriositi. “I fan entravano in queste lunghe discussioni etiche e politiche, lottando davvero con questioni del genere, il che era fantastico da vedere.” Moore ha risposto alle critiche sull’elemento tradimento: “L’idea che ci sia un elemento canaglia all’interno della Federazione compiere azioni oscure al di fuori della normale catena di comando è certamente provocatorio.”

L’attore Jeffrey Combs (Re-animator), volto ricorrente del franchise di Star Trek, ha apprezzato le apparizioni della Sezione 31, affermando che le storie “hanno dato al tutto una svolta scioccante”. Combs ha interpretato Brunt, l’inquisitore Ferengi, e Weyoun, il clone Vorta al servizio del Dominio in Deep Space Nine. Nel 2000 interpreta un Penk in un episodio della serie Voyager e nel 2001 indossa i panni dell’Andoriano Shran nella serie Enterprise. Nel 2021 presta la voce al computer malvagio Agimus nell’episodio “Il pianeta delle piacevoli fontane”, della seconda stagione della serie animata Lower Decks.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//mordoops.com/4/6884838