Torna al cinema Leonardo Pieraccioni con una commedia da lui diretta e interpretata insieme a Chiara Francini, Giulia Bevilacqua e Nino Frassica. Pare parecchio Parigi arriva nelle sale il 18 gennaio con 01Distribution. Ve ne presentiamo una scena in anteprima esclusiva.

La famiglia, luogo di meraviglie ma anche di tanti guai. Leonardo Pieraccioni torna al cinema dirigendo una nuova commedia, Pare parecchio Parigi, in cui due figlie e un figlio si ritrovano dopo anni di incomprensioni e rapporti a dir poco complessi sul letto di un ospedale in cui è ricoverato il padre (Nino Frassica), molto malato, che ha sempre avuto un sogno: andare a Parigi.

I tre figli, interpretati da Chiara Francini, Giulia Bevilacqua e Pieraccioni stesso, si organizzano allora per mettere in scena un viaggio nella ville lumiere, per esaudire il suo sogno anche se il fisico non glielo permetterebbe più. Un’avventura ispirata a una storia vera, sulla riconciliazione e l’amore all’interno di una famiglia.

Vi presentiamo in anteprima esclusiva una clip del film che propone proprio la scena in cui i tre “eredi” si presentano al capezzale di un padre malato, ma che non ha perso la grinta e l’umorismo caustico di Nino Frassica.

Pare parecchio Parigi: trama ufficiale e trailer del nuovo film di Leonardo Pieraccioni

Per esaudire il desiderio, ormai rimpianto, che ha un vecchio e malatissimo padre (Nino Frassica) di non aver fatto un viaggio a Parigi con i figli (Leonardo Pieraccioni, Chiara Francini, Giulia Bevilacqua) ecco che i tre fratelli che non si parlano da cinque anni, fingeranno di partire con lui da Firenze a bordo di un camper, che non uscirà mai dai confini di un maneggio di cavalli. Quel viaggio, messo in scena perché ai figli è stato proibito di allontanare il padre dalla struttura ospedaliera che glielo ha affidato, diventerà una paradossale, avventurosa e irresistibile occasione per tentare di far riavvicinare i fratelli e cercare di riconciliarsi con il loro papà. Con il motore dell’immaginazione si possono fare migliaia di chilometri: se non si può andare a Parigi, Parigi può venire da noi! Dopotutto anche se fai il giro del mondo ritorni sempre nel solito punto, no?

“Questa storia è liberamente ispirata ai fratelli Michele e Gianni Bugli che nel 1982 partirono con il padre malato in roulotte e gli fecero credere di essere arrivati a Parigi. Viaggiarono non uscendo quasi mai dal loro podere. Il film è dedicato a loro. E a tutti i sognatori”.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//thefacux.com/4/6884838