“Scoprire le frodi elettorali dovrebbe garantirmi l’immunità presidenziale contro le false accuse di Biden!”: lo scrive Donald Trump su Truth poco prima di comparire davanti alla corte d’appello della capitale per rivendicare l’immunità presidenziale nel processo per i suoi tentativi di ribaltare il voto nel 2020. 

“Sono cosi’ orgoglioso di mostrare al popolo americano quanto è corrotto Biden e il nostro sistema giudiziario! Tutte le accuse contro di me e gli altri dovrebbero essere immediatamente lasciate cadere, con le scuse e i danni economici per la persecuzione illegale e altamente politica di persone innocenti”.

“Se non avro’ l’immunità, allora neppure il corrotto Joe Biden l’avrà”, scrive ancora Trump. “Biden sarà pronto per l’incriminazione”, sostiene il tycoon.

 

L’udienza di Trump trasmessa via audio, i giudici incalzano la difesa 

Nell’udienza in corso alla corte d’appello della capitale, trasmessa via audio dai network americani, la difesa di Donald Trump sta esponendo la sua tesi sull’immunità assoluta del presidente, secondo cui può essere perseguito solo passando prima dall’impeachment. Immunità che coprirebbe anche i suoi tweet.

Ma le tre giudici stanno ponendo una serie di domande che sembrano sfidare questa tesi. “Un presidente che ha ordinato al Seal Team di assassinare un rivale politico e non è stato messo sotto accusa, potrebbe essere sottoposto a procedimento penale?”, ha chiesto Florence Pan. “Penso che sia paradossale affermare che il suo dovere costituzionale di dire che le leggi siano fedelmente eseguite gli permette di violare la legge”, le ha fatto eco Karen Henderson, prima che John Sauer, avvocato di Trump, replicasse che le azioni di un presidente non possono mai essere esaminate dai tribunali.

Non è previsto che l’ex presidente intervenga.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//leezeept.com/4/6884838