Dal 21 settembre nei cinema italiani con Movies Inspired Il Caftano Blu, il dramma della regista Maryam Touzani premiato a Cannes nella sezione Un certain Regard racconta di un triangolo amoroso in una piccola città marocchina dove sono vietate le relazioni gay. Touzani esplora un connubio complesso con tenerezza e grazia in un film sincero e superbamente interpretato che si svolge in modi inaspettati e rincuoranti.

Caftano: Veste lunga, maschile, che si usa nei paesi musulmani: di stoffa colorata spesso a righe, scende quasi ai piedi, è aperto sul davanti per intero, ha maniche assai lunghe. Per qualche secolo, a partire dal 13°, fu portato anche dai Russi e dai Polacchi, e da Ebrei della Polonia o di altri paesi.

Il Caftano Blu – Trama e cast

La trama ufficiale: Halim (Saleh Bakri) e Mina (Lubna Azabal) gestiscono un negozio di caftani tradizionali in una delle medine più antiche del Marocco. Per stare al passo con le richieste dei clienti più esigenti, assumono Youssef (Ayoub Missioui). Il talentuoso apprendista mostra la massima dedizione nell’imparare l’arte del ricamo e della sartoria da Halim. Lentamente Mina si rende conto di quanto il marito sia commosso dalla presenza del giovane.

Il cast include anche Mounia Lamkimel, Abdelhamid Zoughi, Zakaria Atifi, Fatima Hilal, Mariam Lalouaz, Kholoud El Ouehabi, Amira Tiouli, Hanaa Laidi, Aymane El Oarrari, Ilyass El Ouahdani, Fouzia Ejjawi, Mohamed Naimane, Mohamed Tahri Joutey, Abdellah Lebkiri, Driss Diouri, Ilham Chakib, Abdelrhafor Essolh, Nourredine Aim, Hassan Boudour, Naima Boudra, Fatima Laaraj, Kahija Toufik.

Il Caftano Blu – Trailer e video

Curiosità sul film

  • Il film è una coproduzione Francia-Marocco-Belgio-Danimarca.
  • Maryam Touzani dirige da una sua sceneggiatura scritta in collaborazione con Nabil Ayouch.
  • Le musiche originali del film sono del compositore Kristian Eidnes Andersen (All I Want for Christmas – Il regalo più bello, All I want for Christmas 2 – Il cristallo magico, Un marito fedele, serie tv L’uomo delle castagne).
  • Il film è prodotto da Nabil Ayouch, Amine Benjelloun, Eva Jakobsen, Mikkel Jersin, Katrin Pors e Sebastian Schelenz.

Premi e riconoscimenti

VINCITORE – Premio Fipresci – Un Certain Regard. Cannes Film Festival 2022
VINCITORE – Grand Jury Prize, Golden Star – Marrakech International Film Festival 2022
VINCITORE – Grand Jury Prize- International Feature – NewFest LGBTQ+ Film Festival NYC
VINCITORE – Premio del pubblico – Athens International Film Festival 2022
VINCITORE – Greek Film Critics Association Award – Athens International Film Festival 2022
VINCITORE – Miglior regista | Silver Hugo – Chicago International Film Festival 2022
VINCITORE – Migliore attrice – Vallladolid | Mexico | International Film Festival 2022
VINCITORE – Premio del Pubblico – Panorama | Vancouver International Film Festival 2022
VINCITORE – Miglior lungometraggio di finzione – Arab Film Festival 2022

Maryam Touzani – Note biografiche

Maryam Touzani (Photo by Joshua Sammer/Getty Images for ZFF)

Nata a Tangeri, in Marocco, nel 1980, Maryam Touzani trascorre la sua infanzia nella sua città natale prima di conseguire una laurea in giornalismo a Londra. Appassionata di scrittura, torna nel suo paese dopo gli studi e lavora come giornalista, specializzandosi in cinema nordafricano. Ben presto sente il bisogno di esprimersi
attraverso i suoi film.

Nel 2008 scrive e dirige un documentario per la prima Giornata nazionale della donna in Marocco, una data importante per il Paese, seguito da una serie di altri documentari. Quando dormivano (2012), il suo primo cortometraggio, viaggia per il mondo attraverso festival prestigiosi, vincendo un totale di diciassette premi.

Nel 2015, il suo secondo cortometraggio, ‘Aya goes to the beach’ continua sulla stessa strada, vincendo quindici premi in tutto il mondo. Attraverso l’acclamato film del regista Nabil Ayouch ‘Much Loved’ (2015), che debutta alla Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes, porta la sua esperienza oltre, lavorando allo sviluppo della sceneggiatura e partecipando al set del film a vari livelli, lavorando a stretto contatto con il regista e le attrici.

Poco dopo, scrive insieme a Nabil Ayouch il suo ultimo lungometraggio, “Razzia”, presentato in anteprima al Toronto International Film Festival su Platform e rappresenta il Marocco agli Academy Awards. In ‘Razzia’, in cui interpreta anche la parte di Salima, una delle protagoniste, si ritrova per la prima volta dall’altra parte della macchina da presa.

ADAM segna il debutto alla regia di un lungometraggio di Maryam Touzani e, dopo essere stato presentato in anteprima al Festival di Cannes nel concorso Un certain Regard, il film è stato proiettato al TIFF, GFF, RIFF e ha ottenuto 30 premi in tutto il mondo e venduto in oltre 20 paesi.

Nel 2019, Maryam Touzani diventa membro dell’Academy of Motion Pictures. Nello stesso anno, ADAM è stato anche selezionato ufficialmente dal Marocco per la corsa agli Oscar 2020 nella categoria miglior film straniero, e ha rappresentato il Marocco anche ai Golden Globe.

Nel 2022, Maryam Touzani torna al Festival di Cannes con il suo secondo lungometraggio “The Blue Caftan”, selezionato nella sezione Un certain Regard.

Intervista alla regista

Come è nato “Il Caftano Blu”? È nato dalla tua esperienza o puramente dalla tua immaginazione?

Lavoro molto basandomi sui miei sentimenti e sulla mia ispirazione; Non intellettualizzo le cose quando scrivo. Mentre cercavo la location per il mio film precedente, Adam, ho fatto un incontro decisivo nella medina di Salé con un signore che gestiva un parrucchiere per donne. Ha fortemente ispirato il personaggio di Halim (Saleh Bakri). Sentivo che c’era, nella sua vita, la presenza di qualcosa di non detto, qualcosa di soffocato rispetto a chi era veramente nel profondo, e chi cercava di essere per affrontare il mondo, in un ambiente altamente conservatore. Mi sono ritrovato a immaginare la sua vita, perché non ho mai osato fargli domande personali, perché sarebbe stato troppo privato. Tuttavia, ho trascorso molto tempo con lui e mi ha lasciato una profonda impressione. Un giorno la storia prese forma e aveva bisogno di essere raccontata; era una storia che doveva essere scritta senza pensarci troppo in modo logico o razionale. Scrivere di per sé è un viaggio e ho avuto la fortuna di avere la prospettiva di Nabil; condivide la mia vita, ma condividiamo anche una passione. Attraverso il suo sguardo, sempre gentile, acuto e senziente, ho potuto così confrontarmi con me stessa, ricevere sostegno per lo sviluppo dei miei personaggi e della mia storia, approfondire ancora di più le cose…

Perché nel tuo film il parrucchiere è diventato un maalem, un maestro sarto del caftano?

Ho un vecchio caftano, che apparteneva a mia madre e mi ha sempre affascinato. Quando ero piccola, pensavo che questo caftano fosse magnifico e mi dicevo che un giorno avrei potuto indossarlo. Passarono gli anni e poi, un giorno, l’ho indossato e ho capito quanto siano preziose queste cose, perché possono essere tramandate di generazione in generazione e raccontare una storia. La storia di chi li ha realizzati, impiegando giorni o forse mesi a realizzarli, come se parte dell’animo artigiano lasciasse il segno su di esso, per poi assorbire l’essenza di chi lo indosserà. Il caftano ha così trovato il suo posto nella narrazione del film. Amo sinceramente l’artigianato di molte professioni che, purtroppo, stanno scomparendo. C’è qualcosa di così bello nelle tradizioni che stiamo perdendo, qualcosa che racconta chi siamo, che fa parte del nostro DNA. Questa è una parte della tradizione che deve essere preservata e protetta mentre altre tradizioni meritano di essere messe in discussione e scosse. Mi tocca profondamente vedere scomparire attività come quella del sarto del caftano, perché viviamo in una società che va troppo veloce, che non concede più a queste competenze il tempo che richiedono e non le valorizza più. A me, al contrario, piace prendermi una pausa, osservare, prendermi il tempo, e questo tipo di mestiere mi fornisce una profonda ispirazione. Questo è il motivo per cui il parrucchiere di Salé è diventato un maestro sarto nel mio film.

Le immagini del film sono superbe, estremamente sensuali. Puoi dirci di più del tuo lavoro con Virginie Surdej, che è stata anche la direttrice della fotografia del tuo film precedente, Adam?

Adoro lavorare con Virginie, è straordinaria come essere umano, come professionista e come artista; lavorare con lei è sempre una vera gioia. Infatti io e lei abbiamo lavorato sulla sensualità di cui parlavi, volevo che il film avesse quell’aspetto sensoriale. Quando Halim tocca il tessuto, volevo che gli spettatori sentissero il tocco di questo tessuto, per essere pienamente nei dettagli della sartoria. Volevo che il pubblico fosse immerso in questo mondo, conducendoci all’anima di Halim. Attraverso il suo lavoro capiamo chi è Halim, la sua passione prende forma concreta. Questo artigianato sta morendo e tuttavia Halim sta lottando a modo suo per mantenerlo in vita. Quando Youssef arriva, Halim sente un barlume di speranza, vede una possibile eredità. Così inizia il loro amore – attraverso la trasmissione della conoscenza. Youssef è affascinato dal maestro sarto, e questa è una cosa che sta diventando sempre più rara perché i giovani tendono a preferire lavori con cui si guadagna più facilmente e più velocemente. L’amore di Youssef per Halim, il “maestro artigiano”, si trasformerà in un vero amore per l’uomo stesso. Con Virginie volevamo mettere i riflettori sul lavoro dei maalems, mostrare la bellezza nei dettagli. La luce filtra in vari luoghi, aiutandoci a scavare nel profondo delle emozioni dei personaggi. Virginie è molto ricettiva verso i personaggi, verso tutto ciò che cerco di esprimere, e le immagini sono ovviamente cruciali in questo film in cui accadono così tante cose nel profondo del sé dei personaggi. La luce ci aiuta a seguire il viaggio dei personaggi e le loro relazioni; il film diventa sempre più luminoso man mano che le relazioni e le tensioni si allentano.

Come è andata la collaborazione con la costumista del film, Rafika Ben Maïmoun?

Io e Rafika abbiamo lavorato molto prima, scegliendo i colori, sia per i caftani che per gli abiti dei personaggi. Halim è innatamente elegante, ed è qualcosa che volevo trasmettere attraverso i suoi vestiti. C’è anche qualcosa di senza tempo in lui. Per quanto riguarda Mina, tutti i suoi costumi sono stati realizzati per il film. Anche i set e gli sfondi erano importanti. Adoro dipingere e comporre una sequenza è un po’ come comporre su una tela: devi pensare all’equilibrio tra i colori e le texture. Ho anche trascorso un po’ di tempo con diversi maalem, osservando come lavoravano con i loro punti; Ho ascoltato le loro storie. Uno di loro mi ha detto che era pronto a svolgere anche un lavoro non retribuito. Non poteva vivere senza farsi dei caftani, era il suo ossigeno. Erano vent’anni che non riusciva a trovare un apprendista e mentre lo raccontava aveva le lacrime agli occhi. Un altro maestro artigiano mi ha raccontato che uno dei maalem con cui aveva lavorato si era arreso, per andare invece a vendere le uova al mercato; aveva il cuore spezzato. Tutte queste storie mi hanno toccato così tanto che ho voluto testimoniare quella dedizione, intrecciare la bellezza di questi mestieri nel film e rendere loro omaggio.

È stato un maalem a realizzare il caftano del film e di cui vediamo i gesti nelle inquadrature in primo piano?

Sì, e il suo nome è il signor Lalaami. Nel film seguiamo la realizzazione del caftano dal taglio iniziale del tessuto fino al risultato finale. Ho cercato questa specifica tonalità di blu ovunque, per molto tempo. Era un’ossessione. Ho trovato tutti i tipi di sfumature di blu diverse ma non il mio blu petrolio, è diventata una ricerca vertiginosa… Per fortuna, ho finito per trovarlo al Marché Saint-Pierre, nel quartiere dei tessuti di Parigi. Poi ho rivolto la mia ricerca al ricamo, per trovare il disegno giusto. Ma semplicemente non riuscivo a trovare quello che cercavo. Poi, un giorno, ho tirato fuori il caftano di mia madre – un capo di abbigliamento vecchio di cinquant’anni che conservo come un tesoro – ed è stato allora che ho capito che il ricamo che cercavo era quello… ho portato il mio caftano al maalem e gli ho detto che era il motivo che doveva cucire. Il caftano che mi aveva tanto segnato durante la mia infanzia ha trovato il suo posto, aveva tutto molto senso. Il signor Lalaami ha così potuto iniziare a realizzare il caftano e ad istruire gli attori. Per me era importante assicurarmi che avessero una vera comprensione del mestiere, che imparassero a maneggiare ago e filo, che trascorressero del tempo con i veri maalem per sperimentare le cose in prima persona…

È molto coraggioso da parte tua realizzare un film del genere.

Credo che a volte ci siano cose che hanno bisogno di essere espresse, storie che hanno bisogno di essere raccontate, e per le quali non mi fermo nemmeno a pensare se ci sia del coraggio, perché ciò che conta è farlo con sincerità e convinzione.

Il desiderio e l’amore non dovrebbero essere oggetto di tabù, divieti o scandalo.

Non c’è niente di più bello dell’amore tra gli esseri. Purtroppo in Marocco l’attività sessuale tra persone dello stesso sesso è punita dall’articolo 489 del codice penale. La pena può variare da 6 mesi a 3 anni di reclusione. Non solo è un tabù, ma è anche considerato un reato penale! Questa legge è vergognosa e credo che dobbiamo insorgere per farla abolire, in Marocco come in altri paesi, le persone devono parlare apertamente e non avere paura.

Attraverso la sua bellezza e il suo approccio intelligente e delicato, il tuo film può cambiare la prospettiva delle persone nelle società in cui determinati orientamenti sessuali sono condannati?

Spero che possa farlo. Condividere l’esperienza personale del personaggio di un film, essere condotti in una storia, aiuta le persone a capirli meglio, e forse quella comprensione può aiutare le persone ad accettare le cose, a cambiare il proprio punto di vista. Quando cambiano le prospettive delle persone, cambia anche la società, e poi seguono le leggi. Ecco perché è molto imimportante raccontare storie come quella di Halim, perché possono cambiare il modo di pensare delle persone.

Alla fine “Il Caftano Blu” è un film sulla libertà?

Assolutamente. È un film sulla libertà di essere chi sei, di amare chi vuoi amare, sia uomo che donna. Soprattutto, è un film sull’amore, perché l’amore racchiude tutto questo.

Il Caftano Blu – Foto e poster

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//faufainive.com/4/6884838