Film Europei

Home Film Toll – Pedagio: trailer e anticipazioni del dramma brasiliano “Miglior Film” alla Festa del Cinema di Roma 2023

Tutto quello che c’è da sapere su toll aka Pedagio, il film di Carolina Markowicz con protagonista Maeve Jinkings che ha vinto la Festa del Cinema di Roma 2023.

29 Ottobre 2023 14:48

Il dramma brasiliano Toll (Pedágio) si è aggiudicato la 18a edizione Festa del Cinema di Roma come Miglior film nella sezione “Concorso Progressive Cinema – Visioni per il mondo di domani”. Diretto scritto e co-prodotto da Carolina Markowicz (Charcoal), il film vede protagonista Maeve Jinkings (Duetto) nei panni Suellen, una donna che viene coinvolta in una banda criminale mentre cerca di raccogliere fondi per mandare suo figlio gay ad un programma di conversione tenuto da un religioso.

Rome Film Fest 2023

Toll – Trama e cast

La trama ufficiale: Quando Suellen (Maeve Jinkings), addetta al casello autostradale, si rende conto che può usare il suo lavoro per aiutare una banda di ladri a rubare accessori preziosi ai ricchi che guidano tra San Paolo e la costa, si convince di farlo per una nobile causa: manda suo figlio adolescente, Antonio (Kauan Alvarenga) a un costoso seminario di conversione gay guidato da un famoso prete. Ma innesca involontariamente una catena di eventi che non lascerà felice nessuno, tranne forse i ladri.

Il cast include anche Thomas Aquino, Erom Cordeiro, Isac Graça, Aline Marta Maia e Caio Macedo.

Toll – Trailer e video

Curiosità

  • Il film è coproduzione Brasile – Portogallo.
  • Il cast tecnico: Fotografia di Luís Armando Arteaga / Montaggio di Ricardo Saraiva & Lautaro Colace / Suono di André Bellentani / Musiche di Filipe Derado.
  • Prodotto da Karen Castanho, Bianca Villar e Fernando Fraiha, soci fondatori della brasiliana Bionica Filmes (“Benvenuta Violeta”), Luís Urbano e Sandro Aguilar di O Som e a Fúria, con il sostegno di Globo Filmes (“Divine Love”).

Note di regia

Quando pensi a un ragazzo gay, o a un ragazzo queer, che non è accettato dalla sua famiglia, puoi arrivare a sentirti come se fosse una vittima, ma non è necessariamente così. Non voglio costruire cose così bidimensionali. Quando guardi questa mamma, non è malvagia. È un prodotto di questa società, di questa cultura. Voglio che anche le persone la capiscano. Voglio che le persone lo capiscano, perché ha il suo potere. Non si vede come una vittima. Vuole solo che sua madre capisca chi è e che i suoi problemi non sono fuori casa.

Mi piaceva molto l’idea di avere altre vite, altri universi presentati dallo stesso cast. Credo che abbiano la chimica perfetta e la capacità di diventare altre persone. È pazzesco come questa comunicazione tra il verbale, i sentimenti… tutto vada così liscio tra noi. Penso davvero che creiamo chimica quando lavoriamo insieme. La parte più importante di ogni film è percepirne la verità…

Penso sempre al luogo come a un personaggio, perché influenza il nostro comportamento e il modo in cui viviamo. Credo davvero che sia qualcosa che costruisce la personalità. Sono sempre stato innamorato della città, Cubatão, una città tra la grande città e la spiaggia di San Paolo. È una città povera, ma allo stesso tempo passa gente molto ricca perché c’è il casello. È una delle città più industriali del Brasile. Tutto è così contraddittorio.

Un bellissimo ambiente verde, ma quando entri in città c’è una targa che proclama: Cubatão, simbolo dell’ecologia. È così completamente sciolto dall’inquinamento che non puoi leggerlo. Questo descrive molto della città e del film. Mi piace l’idea che la città sia opprimente, per me è una metafora del rapporto madre-figlio nel film.

Fonte; Variety

Carolina Markowicz – Note biografiche

Carolina Markowicz & Maeve Jinkings (Photo by Ernesto Ruscio/Getty Images)

Markowicz (San Paolo, Brasile. 1982) ha scritto e diretto 6 cortometraggi selezionati per festival tra cui Cannes, Locarno, Toronto, SXSW e AFI, e vincitori di oltre 70 premi: 69-Luz Square (2007), Edifício Tatuapé Mahal / Tatuapé Mahal Tower (2014), Postergados / Postponed (2016), Namoro à distancia / Long Distance Relationship (2017), O órfão / The Orphan (2018), presentato in anteprima alla Quinzaine des Cinéastes di Cannes, dove è diventato il primo Film brasiliano vincitore del Queer Palm e di Spit (2019).

Carvão / Charcoal, il suo primo lungometraggio, è stato selezionato per Films in Progress 2022 (Tolosa) e ha partecipato nello stesso anno a Horizontes Latinos a San Sebastian dopo essere stato presentato in anteprima al Toronto Festival, al quale è tornata quest’anno con il suo secondo, Pedágio / Toll.

Maeve Jinkings – Note biografiche

Maeve Jinkings & Carolina Markowicz (Photo by Gareth Cattermole/Getty Images)

Jinkings, attrice brasiliana, ha studiato recitazione al CPT (Centro de Pesquisa Teatral – Centro di ricerca teatrale) di San Paolo, e successivamente approvata all’EAD (Scuola di arti drammatiche) dell’Università di San Paolo e comunicazione sociale all’Università dell’Amazzonia.

Il suo primo ruolo nel cinema è stato nel film del 2007 Falsa Loura di Carlos Reichembach. Ha recitato in diversi cortometraggi e lungometraggi tra cui Aquarius (2016) di Kleber Mendonça Filho, Coiote (2017), Açúcar (2018) e Carvão / Charcoal (2023) che è nel programma del festival.

Con il cortometraggio Sem Coração, ha debuttato come Casting Trainer, e il film è stato presentato in anteprima alla Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes. I suoi crediti come attrice per la TV includono la serie A Regra do Jogo, la superserie Onde Nascem os Fortes e Todas as Mulheres do Mundo.

Ha vinto numerosi premi di recitazione con i film Amor Plástico e Barulho (2014), Boi Neon / Neon Bull (2016) e O Som ao Redor / Neighboring Sounds (2013). Come parte del lungometraggio Where Has the Time Gone? progetto collettivo di Jia Zhang-ke, ha collaborato con il regista Walter Salles per il cortometraggio Terra Treme sulla tragedia umana della rottura della diga nello stato di Minas Gerais.

Toll – Foto e poster

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//kauraishojy.com/4/6884838