Man mano che la narrazione procede, ci si aspetta di assistere a una discesa onirica e sempre più allucinata nella follia di Lorna, ma l’autore Joe Murtaugh prende le distanze dalla prevedibile escalation di terrore e squilibrio per fare di The Woman in the Wall un’accusa politica feroce e di parte e un solido crime dove la protagonista trova la forza per ritrovare il senno e andare in cerca di una verità sconvolgente. Una verità che assegna alla già scandalosa vicenda contorni ancora più degradanti. Quello che si presentava come un horror gotico adotta i contorni di un horror sociale; i flashback che illustrano la condizioni di Lorna e delle sua compagne di sventura sono molto più raccapriccianti e spaventosi delle visioni oniriche e degli echi soprannaturali. Come accennato, l’ex intrigante serial killer Alice Morgan di Luther, l’inglese Ruth Wilson, è più brava che mai nei panni di Lorna. Contro ogni legge della fisica la Wilson riesce a rimpicciolire la sua figura adottando una postura gobba e quasi ranicchiata, la manifestazione esteriore di anni di oppressione psicologica, che la fan sembrare piccola e fragile.

The Woman In the Wall,Lorna Brady (RUTH WILSON),Motive Pictures,Colin BarrColin Barr

La sua performance è sensazionale, magnetica e potente nel restituire un personaggio apparentemente domato e debole eppure inarrestabile, sottomesso eppure combattivo, mentalmente instabile eppure lucido. Anche McCormack, lanciato dalla brillante commedia del 2022 Il piacere è tutto mio (ma è anche in Peaky Blinders) fa un lavoro convincente nei panni di Colman. Dal suo atteggiamento posato traspare la frustrazione e la fragilità di un giovane uomo che ha schiacciato sotto il peso dell’autocontrollo i turbamenti di un passato sepolto che riemerge, tra attacchi di panico e incubi. Il viaggio di Lorna e Colman è duro eppure catartico e si perpetra sullo sfondo di un’Irlanda rurale immersa in una natura che appare fredda e indifferente. Tutt’altro che freddi e indifferenti vengono lasciati gli spettatori di The Woman in the Wall, grazie alla serie messi di fronte alla realtà di un passato recente agghiacciante che svela i soprusi dei servi di Dio.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//vaitotoo.net/4/6884838