BOLZANO. Ha prenotato una camera in un hotel a cinque stelle dell’Alto Adige, concedendosi un soggiorno di lusso. Durante il quale, ad alcune persone che lavoravano nella struttura, ha raccontato di essere “general manager per il sud Italia di Amazon”, mostrando tanto di biglietto da visita col suo nome. Una messinscena conclusa al momento di pagare il conto, da 6.500 euro: l’uomo ha ammesso candidamente di non avere soldi.

A quel punto i titolari hanno chiamato i carabinieri che non hanno potuto fare altro che denunciarlo per insolvenza fraudolenta e lasciarlo andare. Nel corso delle indagini, sono emerse altre 19 denunce a suo carico per altrettanti, analoghi episodi in strutture di tutta Italia, Alto Adige compreso, e una sola condanna per truffa (di lieve entità). Solo per l’ultimo, e in caso di condanna, rischia al massimo tre anni.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//shulugoo.net/4/6884838