Ricky Gervais è di nuovo al centro della polemica online per via del suo ultimo show su Netflix, Armageddon. Non è di certo la prima volta che il comico si attira addosso le ire del pubblico con il suo black humor, ma questa volta sembra aver davvero passato il segno, tanto che è spuntata online una petizione per rimuovere il contenuto dalla piattaforma streaming.

Nello speciale è infatti presente una “battuta” che il pubblico ha giudicato davvero eccessiva, riferita ai bambini malati di cancro che partecipano all’iniziativa benefica di Make a Wish. Quest’ultima è una fondazione che si occupa di realizzare gli ultimi desideri dei bimbi in condizioni terminali, coinvolgendo  spesso attori o personalità famose in visite in ospedale o telefonate con i pazienti.

Nel video, Ricky Gervais chiama “pelati” i bambini che partecipano all’iniziativa, sostenendo inoltre che siano davvero “rit****ti se non esprimono il desiderio di guarire dalla malattia”.

Come spesso accade con i suoi sketch poco “politically correct”, il pubblico si è completamente spaccato: da una parte chi apprezza il black humor per cui l’attore è diventato noto, dall’altra chi pensa che stavolta abbia passato il segno, come i creatori della petizione rivolta a Netflix, che chiede la cancellazione del contenuto in quanto “irrispettoso”, “senza cuore” e “realizzato a scapito della sofferenza altrui”.

Sui social si è espressa anche l’associazione di beneficenza Scope, che ha sottolineato il linguaggio abilista dell’attore: «Le parole hanno conseguenze. Quello spettacolo è reale. Netflix è reale. E le persone su cui quelle parole avranno un impatto sono reali. Scherzare usando questo tipo di linguaggio lo banalizza, e normalizza l’abuso che molte persone disabili devono affrontare ogni giorno». Da allora, però, il gruppo ha dovuto chiudere i commenti al post, letteralmente invaso dai fan di Ricky Gervais che hanno parlato di “polizia della comicità”, affermando che non dovrebbe essere un’associazione come quella a stabilire su quali argomenti si possa scherzare e su quali no.

«Non siamo qui per sindacare su ciò che le persone dovrebbero o non dovrebbero trovare divertente – è stata la risposta dell’associazione. – Ma non possiamo neanche pretendere che la comicità non abbia conseguenze».

Fonte: LadBible, The Independent 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//vaikijie.net/4/6884838