Piogge torrenziali a Oman, Bahrain ed Emirati arabi uniti. Gli stati del Golfo persico sono stati colpiti da un evento climatico estremo che ha scatenato tre giorni di piogge torrenziali e insolite, causando grosse inondazioni in zone perlopiù desertiche. A causa delle precipitazioni, tra domenica 14 e martedì 16 aprile, in Oman sono morte almeno 19 persone e negli Emirati almeno una, sono molti anche i danni causati alle infrastrutture. In base alle dichiarazioni delle autorità degli Emirati si tratterebbe delle piogge più abbondanti degli ultimi 75 anni.

In base a quanto riporta Reuters, solo negli Emirati sarebbero caduti 254 millimetri di pioggia in meno di 24 ore, contro una media annuale di circa 95 millimetri. Si tratterebbe della quantità maggiore mai rilevata da quando è iniziato il monitoraggio nel 1949, prima della fondazione del Paese nel 1971. A Dubai, la seconda città dopo la capitale Abu Dhabi, si sono registrati i danni maggiori. Alcune strade sono crollate a causa del peso dell’acqua e si sono allagate diverse autostrade e anche l’aeroporto, uno degli scali internazionali più trafficati.

Proprio perché l’area è caratterizzata da scarse precipitazioni, la gran parte delle strade non dispone di sistemi di drenaggio dell’acqua, causando così l’allagamento delle vie e il blocco della circolazione. Anche le stazioni della metropolitana e molti centri commerciali sono stati invasi dalle acque e i voli in arrivo a Dubai sono stati deviati su altri aeroporti. Ai passeggeri in partenza da Dubai è stato consigliato di non recarsi in aeroporto, le scuole sono state chiuse in tutto il paese e i dipendenti pubblici sono stati messi in smart working.

L’evento estremo ha interessato anche il Bahrain, che però ha subito meno danni, e l’Oman, dove i morti sono già saliti a 19 e potrebbero aumentare, visto che le autorità hanno avvertito la popolazione che sono previste ulteriori piogge nei prossimi giorni. Anche in questo caso, si tratta degli effetti della crisi del clima, che sta aumentando frequenze e intensità dei fenomeni meteorologici estremi in tutto il mondo.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//whoawhoax.com/4/6884838