La Conferenza dei capigruppo del Senato ha fissato ufficialmente per martedì 18 giugno alle 15.30 l’orario di conclusione dell’esame e del voto degli emendamenti al premierato. A quell’ora infatti inizieranno le dichiarazioni di voto e il voto finale. Lo ha riferito il presidente del Senato Ignazio La Russa, al termine della riunione. Alle opposizioni, che avevano concluso il tempo a disposizione a causa del contingentamento dei tempi, sono state concesse ulteriori due ore, ma fissando la data e l’orario di chiusura, da rispettare anche ricorrendo a sedute notturne.

Lo scorso 12 giugno il Senato ha approvato il sesto degli otto articoli del ddl sul premierato elettivo. L’articolo riguarda il Senato che, secondo la Costituzione, viene eletto “su base regionale”, il ddl Casellati aggiunge le parole “salvo il premio su base nazionale previsto dall’articolo 92”. Infatti il precedente articolo 5 del ddl Casellati ha inserito nell’articolo 92 della Carta la previsione di un premio di maggioranza per le liste che appoggiano il candidato premier che vince le elezioni. Il Senato inizia ora l’esame dell’articolo 7, che riguarda le crisi di governo e su cui c’è un emendamento del governo.

 

L’appello di Fratoianni: oggi in piazza la “vera faccia del Paese”

“Alla violenza istituzionale della destra, allo SpaccaItalia e ai pieni poteri del premierato, noi rispondiamo con i nostri corpi, le nostre voci, i nostri sorrisi. La vera faccia del Paese, quella che non si piega e resiste a questa destra pericolosa. Oggi tutte e tutti in piazza Santi Apostoli a Roma alle 17.30. Lo scrive su Facebook Nicola Fratoianni dell’Alleanza Verdi Sinistra

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//ptoughoozag.com/4/6884838