MILANO – Si profila un nuovo rinvio sul Mes. Malgrado il pressing dei partner europei, con l’Italia unico Paese tra quelli dell’area euro a non averlo ancora ratificato, la Lega insiste sulla linea dura. “Il patto di stabilità è lontano dall’essere concluso, e anzi vi do una notizia: penso proprio che il 14 dicembre non discuteremo di Mes . Le spiego perché: il ministro Giorgetti ha fatto giustamente presente che è in calendario ma esistono provvedimenti che vengono prima”, ha detto il capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari ospite del Caffè della Domenica di Maria Latella a Radio 24. “La posizione della Lega è nota, pensiamo sia uno strumento superato ma aspetteremo di capire le indicazioni della Meloni in merito”, ha aggiunto.

Nei giorni scorsi, dopo la riunione dlel’Ecofin, il ministro Giorgetti aveva “scaricato” la questione sul Parlamento: “il Mes non è nelle mie mani, è nelle mani della Camera, decide la Camera dei deputati. Il 14 dicembre la conferenza dei capigruppo ha fissato la discussione”.

Ora un ennesimo rinvio metterebbe ancora di più in imbarazzo Meloni, alle prese in Europa già con la complessa trattativa sulle modifiche al Patto di stabilità, La tentazione della premier, ha scritto Repubblica alcuni giorni fa, sarebbe quella di uno strappo con il partner leghista, anche in vista dei lavori sotterranei che porteranno alla scelta della prossima guida della Commissione, con il sostegno al bis di Ursula von der Leyen. Scenario probabilmente non gradito proprio a Salvini.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//cegloockoar.com/4/6884838