Raid aerei e incursioni israeliane senza sosta nella Striscia di Gaza nelle prime ore della notte, e non cessano neanche gli appelli a revocare l’ordine di evacuazione di oltre un milione di persone dalla città di Gaza verso sud diffuso ieri da Israele. I media palestinesi parlano di “molte vittime” lasciando intendere una ulteriore escalation del conflitto. Bombardate anche postazioni degli Hezbollah in Libano. Arabia Saudita e Kuwait rifiutano “categoricamente” di evacuare i civili. L’Onu esorta i contendenti a rispettare le regole e a non usare i civili come scudi. Prosegue intanto la ricerca degli ostaggi nelle mani di Hamas.

Marzouk: “Hamas pronta a rilasciare bimbi anziani e stranieri se stop a bombardamenti”

Mousa Abu Marzouk, vicepresidente dell’ufficio politico di Hamas, in una intervista con il magazine New Yorker ha detto che l’organizzazione è pronta a “rilasciare i bambini rapiti, gli anziani, gli stranieri se Israele smette di bombardare Gaza”. Ha anche aggiunto che non si aspettavano un “successo tale”

Trovati corpi di israeliani rapiti in territorio di Gaza

I commando israeliani che ieri in territorio di Gaza hanno condotto “blitz localizzati” hanno trovato e recuperato “corpi” di gente scomparsa dall’inizio dell’attacco di Hamas sabato scorso. Lo sostengono vari report sui media israeliani.

Israele indica due strade “sicure” in cui muoversi verso Sud a Gaza fra le 10 e le 16

Le forze di difesa israeliane hanno indicato alla popolazione palestinese residente a nord di Gaza due direzioni lungo cui muoversi verso sud tra le 10 e le 16 di oggi ora locale. A riportarlo è la Bbc, citando un post in arabo su Twitter del portavoce delle Forze di difesa israeliane, Avichay Adraee. Due strade possono essere usate tra le 10 e le 16 di oggi “senza alcun danno”. Achi vive a Gaza City è stato consigliato di muovere verso sud da Beit Hanoun a Khan Yunis, chi risiede vicino alla costa e ad ovest di Olive potrà muoversi lungo le strade di Daldul e Al-Sana in direzione di Salah Al-Din e Al-Bahr, scrive il portavoce.

Palestinese ucciso in Cisgiordania

Un palestinese di 27 anni è stato ucciso dai soldati israeliani a Gerico, in Cisgiordania. Lo ha riferito il ministero della Salute di Ramallah, precisando che il giovane, Mahmoud Shahada, e’ stato colpito alla testa. Gli scontri sono scoppiati durante operazioni dell’esercito israeliano a Gerico e nel campo profughi di Aqbat Jabr per arrestare ricercati.

A Gaza corridoi sicuri tra le 10 e le 16 di oggi

Le forze armate israeliane hanno fatto sapere agli abitanti della Striscia di Gaza che tra le 10 e le 16 di oggi ci saranno due corridoi umanitari che consentiranno di spostarsi in sicurezza verso sud nell’enclave palestinese

(reuters)

Israele ha arrestato 230 membri di Hamas in Cisgiordania

L’esercito israeliano ha arrestato oltre 230 operativi di Hamas in diverse località della Cisgiordania dall’inizio dell’operazione. Lo riferiscono i media israeliani. Tra gli arrestati, aggiunge il Jerusalem Post, ci sono anche due esponenti di spicco dell’organizzazione terroristica, Sheikh Adnan Asfour e Ahmed Awad, catturati a Nablus.

Israele: ucciso a Gaza comandante forze aeree di Hamas

Le forze armate israeliane hanno fatto sapere di aver eliminato in un raid su Gaza Murad Abu Murad, il capo dell’aeronautica di Hamas, considerato “largamente responsabile di aver diretto i terroristi durante il massacro” dello scorso sabato.

Media: “Trovati corpi di cittadini israeliani durante incursioni a Gaza”

I corpi di alcuni israeliani sono stati recuperati dall’esercito durante un’incursione di terra a Gaza ieri. A riferirne sono i quotidiani Hàaretz e Jerusalem Post: le Forze di difesa – scrivono – hanno trovato un numero non specificato di corpi, poi riportati in territorio israeliano. Unità di fanteria e corazzate hanno preso parte al raid, durante il quale una cellula di Hamas responsabile del lancio di missili anti-tank in territorio israeliano è “stata rimossa”, riporta il Jerusalem Post.

Israele: arrestato alto esponente di Hamas in Cisgiordania

Un alto esponente di Hamas, lo sceicco Adnan Asfur, è stato arrestato dalle truppe israeliane durante un raid a Nablus, in Cisgiordania. Lo ha riferito Yedioth Ahronoth citando le forze armate israeliane. Altri miliziani del Movimento islamico sono stati fermati nella notte. Dall’inizio del conflitto contro la Striscia di Gaza, i militari israeliani ne hanno arrestati oltre 230 in Cisgiordania.

Hamas: 256 morti e 1.788 feriti a Gaza nelle ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore a Gaza ci sono stati 256 morti e 1.788 feriti. Lo ha riferito il ministero della Salute di Hamas, precisando che tra le vittime ci sono 20 bambini. In totale, il bilancio dallo scoppio del conflitto con Israele è di almeno 1.900 morti.

Esercito Israele: “A Gaza 120 ostaggi civili”

L’esercito israeliano, ad oggi, “ha confermato che oltre 120 civili sono tenuti prigionieri a Gaza dall’organizzazione terroristica Hamas”, è quanto scrive su X lo stesso Idf.

Media, Usa a Israele: “Rinviare offensiva di terra”

“Gli Stati Uniti hanno chiesto a Israele di rinviare la sua offensiva di terra fino alla creazione di un corridoio umanitario” rendono noto i media israeliani, come riferisce il Jerusalem Post. Secondo il rapporto “non è chiaro quale sia stata la risposta israeliana alla richiesta”.

Media palestinesi: nella notte esplosioni e morti a Gaza

Non si fermano, nella notte, i raid aerei di Israele nella Striscia di Gaza: lo riporta l’agenzia palestinese Maan secondo cui i missili hanno colpito anche abitazioni provocando morti e feriti.

Media: arrivati caccia F-15 Usa

Gli aerei Usa F-15 Strike Eagle sono arrivati in Medio Oriente, nell’ambito degli sforzi degli Stati Uniti per “rafforzare la propria posizione e migliorare le operazioni aeree in tutta la regione in seguito agli attacchi di Hamas contro Israele”. Lo riporta Haaretz. “L’esercito americano è impegnato a garantire la sicurezza e la protezione durature in tutto il Medio Oriente”, ha affermato il tenente generale dell’aeronautica americana Alexus G. Grynkewich. “Con mezzi di combattimento avanzati e integrandoci con le forze congiunte e di coalizione, stiamo rafforzando le nostre partnership e rafforzando la sicurezza nella regione”, ha concluso.

Esercito israeliano: raid su Gaza, raccolto prove per localizzare gli ostaggi

Il post dell’esercito israeliano con le immagini dei raid e la descrizione delle operazioni in corso.

Scaduto l’ultimatum per l’ospedale

L’ultimatum per evacuare l’ospedale di Al Awda, dove i team di Medici Senza Frontiere continuano a trattare i feriti, è scaduto. Era stato posticipato dalle forze israeliane alle ore 6 di stamattina (le 5 ora italiana).

Gaza, migliaia di palestinesi fuggono verso sud

Si stima che decine di migliaia di persone a Gaza siano fuggite verso sud dopo che Israele ha dato ai palestinesi un preavviso di 24 ore per evacuare dal nord della Striscia prima della annunciata offensiva di terra: lo dice l’ufficio umanitario delle Nazioni Unite, Ocha. Prima dell’ordine di evacuazione, più di 400mila palestinesi erano stati sfollati interni a causa della guerra, ha affermato l’Ocha sul suo sito web.

Appello di 12 Ong: Israele revochi ordine di evacuazione

Un nuovo appello a Israele affinché revochi l’ordine di evacuazione dal nord di Gaza è stato diffuso da 12 Ong internazionali, tra cui Oxfam. “Il trasferimento dell’intera popolazione, in tempi così brevi, mette a rischio la vita di coloro che sono costretti a fuggire. Nessuna garanzia è stata fornita per la loro sicurezza durante il transito o per la sicurezza dei civili rimasti nella Striscia di Gaza, mentre i combattimenti continuano”. Le agenzie umanitarie che operano a Gaza riferiscono che è in corso una crisi umanitaria di incredibile entità. Non ci sono strutture adeguate ad ospitare in sicurezza i residenti del nord di Gaza e la loro incolumità rimane a rischio, dato che gli attacchi aerei israeliani continuano a colpire il centro e il sud di Gaza.

Salito a 1.949 il numero dei morti palestinesi

E’ salito a 1.949 persone uccise e 6.500 ferite il tragico e finora provvisorio bilancio dei morti palestinesi. Lo ha comunicato il governo dell’autorità palestinese.

Media: Israele colpisce postazioni Hezbollah in Libano

L’esercito israeliano (Idf) ha colpito alcune postazioni di Hezbollah nel sud del Libano dopo che le forze di difesa aerea israeliane avevano intercettato due velivoli non identificati su Haifa. Lo riferisce The Jerusalem Post.

Media palestinesi: molte vittime nei raid notturni a Gaza. In azione anche le navi israeliane

Si registrano “numerose vittime” nei raid israeliani delle ultime ore sulla Striscia di Gaza, con la costa “presa di mira dal fuoco delle navi”. Lo riferiscono i media palestinesi in Cisgiordania.

Inviato russo all’Onu: “Inaccettabile punire tutti i palestinesi”

“Israele ha il diritto di proteggere i suoi cittadini, ma la sua punizione collettiva nei confronti dei palestinesi è inaccettabile”, ha affermato Vasily Nebenzya, rappresentante permanente russo presso le Nazioni Unite, secondo la Tass. “Israele ha con tutti i mezzi il diritto di proteggere i propri cittadini. Ribadiamo anche il diritto di Israele a garantire la propria sicurezza. Tuttavia, ci sono due dimensioni inseparabili della tragedia in corso, e non possiamo evidenziarne una e ignorare l’altra, come bombardamenti indiscriminati delle aree residenziali di Gaza, privando questo territorio di acqua ed elettricità”, ha detto ai giornalisti dopo una riunione a porte chiuse del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sull’attuale escalation del conflitto israelo-palestinese. “Ci sono vite umane che contano di più. Anche le azioni di punizione collettiva di Israele nei confronti dei cittadini di Gaza, così come la sua richiesta di evacuare più di un milione di civili in 24 ore e di concentrarli in un ghetto di fatto nel sud del settore, sono inaccettabili e può portare a conseguenze catastrofiche irreversibili a livello regionale e globale”, ha sottolineato l’inviato russo all’Onu.

Russia chiede a Onu il cessate fuoco immediato a Gaza

La Russia ha presentato una risoluzione al Consiglio di sicurezza Onu in cui chiede il “cessate il fuoco immediato a Gaza”. Lo riferisce la Tass.

“Usa a diplomatici, evitare frasi su bagno di sangue”

Il dipartimento di Stato Usa ha diramato una nota via email ai propri diplomatici in cui invita a evitare frasi come “de-escalation, cessate il fuoco”, “fine della violenza-bagno di sangue” e “riportare la calma” nelle dichiarazioni stampa sulla situazione a Gaza. Lo riporta il Guardian, secondo il quale l’amministrazione Usa vorrebbe così “ridimensionare la posizione di Washington sulla richiesta di moderazione a Israele”.

Biden: “Lavoriamo come dannati per riportare a casa gli ostaggi”

Il presidente Joe Biden afferma che gli Stati Uniti stanno “lavorando come dannati” per riportare negli Stati Uniti gli americani scomparsi da Israele. “Dico che faremo tutto ciò che è in nostro potere per trovarli”, ha detto Biden in una clip di una intervista alla CBS News. Biden ha affermato di non poter rivelare i dettagli degli sforzi ma ha ribadito che gli Stati Uniti stanno facendo “tutto ciò che è in nostro potere”.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//deenoacepok.com/4/6884838