BOLZANO. Domenica scorsa si è svolta la 17a edizione della giornata ciclistica non competitiva “Sellaronda Bike Day” che ha permesso agli appassionati delle due ruote, circa 10.000, di compiere il giro dei quattro passi intorno al gruppo del Sella, con la chiusura al traffico delle strade dalle 8.30 alle 16 lungo il tracciato di circa 60 km tra le province di Bolzano Trento e Belluno. I carabinieri del Comando Provinciale di Bolzano, unitamente alle altre forze di Polizia ed alla Croce Bianca, hanno vigilato sull’evento garantendone la sicurezza, e permettendo ai numerosi appassionati di tutte le età di circolare lungo il tracciato con la massima tranquillità.

Sono stati impiegati 11 carabinieri della Compagnia di Ortisei e di Brunico, che hanno vigilato nei punti strategici di maggior afflusso. In particolare una pattuglia di 2 carabinieri muniti di e-bike della Compagnia di Ortisei è stata impiegata nella tratta interessata dal Passo Gardena al Passo Sella fornendo informazioni ai ciclisti in merito al percorso, ai punti di ristoro o di assistenza previsti dall’organizzazione dell’evento, prestando assistenza a ciclisti in difficoltà con le catene o i pneumatici forati delle loro bici.

La pattuglia in bici ha fornito anche assistenza ai numerosi turisti appiedati che percorrevano i sentieri vicini alla sede stradale, informandoli in merito al sentiero, al rifugio ed ai relativi tempi di percorrenza. Infine la pattuglia in e-bike ha potuto meglio vigilare lungo le soste del tracciato le biciclette parcheggiate e/o lasciate in sosta per prevenire furti delle stesse o di componenti come il computer di bordo o attrezzatura di vario genere, considerandone il notevole valore economico.

Nel corso dell’evento non è stato registrato alcun furto. Nei giorni precedenti, i carabinieri hanno effettuato diversi sopralluoghi lungo il tracciato al fine di segnalare eventuali criticità nel percorso e risolvere problematiche (numerosi cantieri stradali e relativi impianti semaforici, stradine di immissione secondarie/strade forestali, etc…).

Anche la Croce Bianca ha partecipato all’evento con personale dotato di e-bike, al fine di poter meglio integrarsi negli eventi ciclistici, caratterizzati spesso dalla difficoltà di raggiungere il paziente in sicurezza, rapidità e senza l’ingombro di un’autoambulanza. Dotati di due borse laterali, riescono a trasportare tutto il necessario per il primo intervento, compreso il defibrillatore portatile. Durante l’evento non vi è stato alcun intervento di rilievo ma sono stati ugualmente avvicinati da parte dei cittadini per piccole medicazioni, misurazione della pressione o semplicemente poter comprendere, unitamente alla pattuglia in e-bike carabinieri, le modalità del servizio. Le numerose pattuglie montane ed in e-bike svolte durante l’intero arco estivo, hanno permesso di individuare i punti di maggior interesse/sensibili da monitorare al fine di prevenire criticità.

I carabinieri in bici sono stati inoltre avvicinati da numerosi cittadini semplicemente curiosi della loro presenza e delle e-bike in dotazione chiedendo diverse foto con gli operatori impiegati e ringraziando per il costante impegno, anche in quella circostanza.

Ad integrare il dispositivo di sicurezza anche la pattuglia di motociclisti della Compagnia di Brunico che è intervenuta in occasione di infortuni a 3 ciclisti nel corso della discesa del Passo Compolongo. Durante tutto il periodo estivo la pattuglia di motociclisti della Stazione di Corvara in Badia ha effettuato numerosi servizi preventivi presso i passi montani del territorio al fine di controllare il notevole flusso di auto e moto, monitorando il rispetto del codice della strada e garantendo la sicurezza degli utenti. In quest’ultimo fine settimana 95 i veicoli controllati, di cui 17 motoveicoli, sulle arterie stradali dei passi montani, con 17 contravvenzioni contestate e una patente ritirata.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//loazuptaice.net/4/6884838