Gli Spurs, avanti fino al 91′ si fanno rimontare da Sarabia e poi sorpassare al 97′ dall’ex juventino Lemina

Davide Chinellato

Il Tottenham viene clamorosamente ribaltato nel recupero dal Wolverhampton e lascia il Manchester City ancora da solo in testa alla classifica. La squadra di Guardiola, in campo domani contro il Chelsea, può essere momentaneamente raggiunta dall’Arsenal, che dalle 16 italiane ospita il Burnley. Riflettori puntati anche su Old Trafford: il Manchester United nella bufera ospita il neopromosso Luton.

Wolverhampton-Tottenham 2-1

—  

Clamoroso a Wolverhampton. Il Tottenham crolla nel recupero e incassa in piena emergenza la seconda sconfitta consecutiva, arrendendosi 2-1 ai padroni di casa che trovano il gol del pari con una magia di Sarabia al 91’ e quello del sorpasso con Lemina al 97’. È la seconda sconfitta consecutiva per la squadra di Postecoglou dopo quella dolorosissima nel derby di lunedì col Chelsea, che ha costretto il tecnico a reinventare la squadra senza tre quarti della difesa titolare (niente Van de Ven, che tornerà solo a gennaio, e gli squalificati Romero e Udogie) e il creativo Maddison, k.o. per tutto il resto dell’anno. Il risultato è una squadra che colpisce subito in contropiede con Brennan Johnson, ma che poi deve subire la reazione del Wolverhampton, che per tutta la partita crea le occasioni migliori e nel recupero si prende quella vittoria (5° risultato utile in 6 partite) che in fondo aveva meritato e che le permette di arrivare a quota 15 in classifica. Il Tottenham resta fermo a quota 26, un punto dietro al City capolista.

LA PARTITA

—  

Gli Spurs sbloccano al primo vero attacco: grande idea di tacco di Kulusevski che smarca Porro a destra per il cross, Johnson a centro area anticipa tutti e firma il suo primo gol per il Tottenham. Resta l’unico tiro in porta del primo tempo della squadra di Postecoglou, che fa possesso ma deve subire il forcing del Wolverhampton, troppo impreciso e fermato da Vicario quando inquadra la porta. I padroni di casa continuano ad attaccare, il Tottenham si difende bene nonostante l’emergenza ma cade al 91’: splendida palla dentro da sinistra di Cunha, altrettanto spettacolare controllo volante di Sarabia, che infila imparabilmente Vicario appena 4’ dopo essere entrato in campo. Sarabia lascia un segno pesantissimo anche al 97’, quando serve a Lemina l’assist per il gol decisivo.

Arsenal-Burnley ore 16

—  

I Gunners provano a mettersi alle spalle la prima sconfitta stagionale in Premier di sabato scorso col Newcastle, come hanno già fatto mercoledì in Champions contro il Siviglia. Arteta ritrova Saka dopo lo spavento europeo e conferma Jorginho capitano per l’assenza di Ødegaard. Una vittoria porterebbe L’Arsenal a quota 27 punti alla pari col City, che avrà però una partita in meno. Il Burnley di Vincent Kompany, la squadra con l’età media più bassa dell’intera Premier, divide con lo Sheffield United l’ultimo posto in classifica e ha una serie aperta di 4 sconfitte. Il 19enne azzurrino Luca Koleosho ancora titolare

Manchester Untied-Luton ore 16

—  

Lo United ha vinto 3 delle ultime 4 partite in Premier, ma resta in crisi d’identità come confermato in Champions col tracollo di Copenhagen. E come conferma il fatto che a Old Trafford in tutta la stagione è stata avanti per soli complessivi 28’. Il Luton sbarca per la prima volta nella sua storia in Premier nel Teatro dei Sogni reduce dall’1-1 casalingo col Liverpool: gli Hatters però hanno vinto una sola partita fin qui in Premier, il 30 settembre in casa dell’Everton.

le altre

—  

Crystal Palace-Everton completa il programma delle partite delle 16 italiane. Il posticipo delle 18.30 è Bournemouth-Newcastle, coi Magpies in emergenza infortuni. Domani 5 partite, il clou è Chelsea-Manchester City delle 17.30 italiane.



By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//fudukrujoa.com/4/6884838