L’ex ambasciatrice Elena Basile “ci ha risposto nella notte, una risposta vergognosa in cui dà la colpa ai giornali che hanno travisato” e che secondo lei “dovrebbero rettificare. Prendiamo atto della sua risposta e procediamo con la querela”. Così all’ANSA Luciano Belli Paci, il figlio di Liliana Segre. Basile aveva attaccato la senatrice a vita che, a sua detta, sarebbe tormentata “solo dal pensiero dei bambini ebrei”.

“Ieri notte mi sono pervenute due mail da Elena Basile, in risposta alla mia mail di contestazione di ieri mattina” ha aggiunto poi in un comunicato Luciano Belli Paci, sottolineando che Basile “sostiene che il pensiero di Liliana Segre sarebbe stato travisato da non meglio precisati articoli di stampa, a seguito dei quali sarebbe nato il suo video, e che dunque la senatrice dovrebbe chiedere a quei giornali che l’hanno fraintesa, e non a lei, di rettificare”. L’ex ambasciatrice, inoltre, “si dichiara felice di apprendere che la senatrice Segre ha a cuore la morte dei bambini di tutte le nazionalità e gruppi etnici” e “si dice spiacente se il video ha ferito Liliana Segre”.

Rispondendo a Basile, il figlio della senatrice a vita ha precisato “che i travisamenti del pensiero di Liliana Segre da parte della stampa non risultano” e “che prendiamo atto del fatto che non ritiene di assumersi le sue responsabilità per le affermazioni diffamatorie ed ingiuriose contenute sia nel video sia nell’intervista pubblicata dal giornale online (Il Giornale d’Italia, ndr)” e “del fatto che non ritiene di adottare le misure riparatorie suggerite”. Pertanto Liliana Segre ha dato incarico al suo penalista di fiducia, l’avvocato Vincenzo Saponara di Milano, “di procedere a norma di legge nei suoi confronti”.

Il caso arriva in aula al Senato

 “Mi associo ai giusti argomenti e alle parole emerse in maniera unanime da parte di tutti i gruppi e abbraccio la senatrice Liliana Segre che speriamo di vedere presto qui in Aula. A lei rivolgiamo un saluto”. L’Assemblea del Senato si alza in piedi con un lungo applauso tributato alla parlamentare, dopo le parole del presidente Ignazio La Russa che concludono gli interventi in Aula sulla questione del video di Elena Basile contro la senatrice vita Liliana Segre.

“Non c’è niente di più falso nelle affermazioni rivolte da Elena Basile a Liliana Segre”, dice in Aula al Senato il dem Francesco Verducci. “Una vicenda – afferma Verducci – inquietante nella sua enorme falsità”, “la vicenda riguarda Segre, ma ci riguarda tutti per l’autorità morale che la senatrice infonde a questa Assemblea”. Secondo il parlamentare le parole del video “hanno provocato lo sdegno di tutti i cittadini italiani per l’offesa a Liliana Segre”. “Con la sua forza e con la sua semplicità – sottolinea Verducci – in questi giorni di profondo tormento ha parlato a più riprese dell’angoscia e della difficoltà di non riuscire a dormire per quello che accade, e in particolare, dentro il conflitto terrificante, l’angoscia per tutti i bambini che, sono le sue parole ‘sono Sacri senza distinzione di nazionalità e di fedi, che soffrono e muoiono, che pagano perché altri non hanno saputo trovare la via della pace. Bambini uccisi per l’odio degli adulti, loro che sarebbero il futuro di popoli fratelli. Non c’è notte che non stia sveglia io che sono una nonna disperata'”.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//ptaixout.net/4/6884838