L’Ucraina procede con l’addestramento dei piloti per gli F-16. L’Estonia approva la norma per utilizzo dei beni russi congelati. Putin in Kirghizistan visita base russa “strategica per la stabilità”, poi andrà in Cina. Scrive a Kim: “Avanti con la cooperazione”. I ministri delle Finanze e dei governatori delle banche centrali dei paesi del G7 riuniti a Marrakesh ribadiscono: “Sostegno incrollabile a Kiev”


La guerra in Ucraina, cosa c’è da sapere?

Dossier Sentieri di guerra

Putin: “Fesseria che ci sia Mosca dietro i danni al gasdotto”

Il presidente russo Vladimir Putin ha definito “una fesseria” ipotizzare che possa esserci Mosca dietro i danni al gasdotto che collega Estonia e Finlandia denunciati nei giorni scorsi. “Queste dichiarazioni mirano solo a coprire l’attacco terroristico commesso dall’Occidente contro il Nord Stream”, ha affermato ancora Putin accusando i Paesi occidentali per le misteriose esplosioni che nel settembre dell’anno scorso, nel pieno delle tensioni internazionali per l’invasione dell’Ucraina, hanno danneggiato i metanodotti che collegano la Russia alla Germania attraverso le acque del Baltico. Resta un mistero chi ci sia dietro il presunto sabotaggio del Nord Stream.

Putin: “Armi dall’Ucraina al Medio Oriente attraverso il mercato nero”

E’ probabile che le armi provenienti dall’Ucraina siano arrivate in Medio Oriente attraverso il mercato nero, ha detto il presidente russo Vladimir Putin in una conferenza stampa dopo la sua visita in Kirghizistan per il vertice della Csi. Lo riporta Ria Novosti. “Dubito che ci siano state consegne di armi dall’Ucraina, ma non ho dubbi che ci sia una fuga di armamenti da lì. E’ noto che il livello di corruzione in Ucraina è molto alto. Il mercato nero si sta sviluppando in modo tale che ci sono sono molti che vogliono acquistare e in Ucraina ci sono molti che vogliono vendere”, ha denunciato il leader russo

Blinken rassicura Kuleba: “Continueremo a sostenere Kiev”

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha rassicurato il collega ucraino Dmytro Kuleba sull’intenzione di Washington di continuare a sostenere Kiev, mentre è iniziata una nuova crisi con la guerra a Gaza. “Durante la telefonata, il segretario Blinken ha riconfermato: gli Stati Uniti rimangono concentrati sull’aiuto all’Ucraina nel contrastare l’aggressione russa. Il sostegno diplomatico, militare e finanziario continuerà. Entrambi abbiamo condannato l’attacco di Hamas a Israele, discusso le dinamiche del conflitto e le sue implicazioni per la sicurezza globale”, ha scritto Kuleba sul social X

Kiev: “Conteniamo i russi su Avdiivka e attacchiamo verso Bakhmut”

Le truppe ucraine continuano a contenere l’offensiva russa nella zona di Avdiivka, che negli ultimi giorni si è fatta più intensa, e ad attaccare in direzione di Bakhmut. Lo ha dichiarato il portavoce dello Stato maggiore delle Forze armate dell’Ucraina, Andriy Kovalev, come riportato da Rbc Ucraina. “Il nemico continua a cercare di sfondare le nostre difese nel settore di Avdiivka. Tuttavia, non ha successo. I nostri difensori hanno respinto più di 20 attacchi nemici nelle aree di Avdiivka” e di altre città nella regione di Donetsk nell’ultima giornata, ha riferito Kovalev. Secondo il portavoce, inoltre, le Forze armate ucraine stanno continuando la loro offensiva nei settori di Melitopol e Bakhmut. “Nel settore di Bakhmut, i nostri difensori continuano le operazioni di assalto a sud della città, nella regione di Donetsk. Stanno infliggendo al nemico perdite in termini di uomini e attrezzature. Stanno consolidando le loro posizioni”, ha concluso.

Kiev: “Attacco russo con drone su Beryslav, una donna è morta”

Le forze russe hanno compiuto un attacco con un drone su Beryslav, città ucraina della regione di Kherson, uccidendo una donna. Lo riferisce su Telegram il capo dell’amministrazione militare regionale Alexander Prokudin. A seguito dell’attacco il marito della donna è rimasto ferito ed è ricoverato in condizioni gravi. Un’altra persona è rimasta coinvolta. “L’esercito russo ha bombardato Beryslav. Ci sono morti e feriti. Gli occupanti hanno lanciato esplosivi da un drone. Hanno colpito un’auto con due residenti locali” ha raccontato Prokudin aggiungendo che “una donna di 34 anni è morta sul posto a causa delle numerose ferite riportate. Il marito di 36 anni è stato ricoverato in ospedale in condizioni critiche. Anche una donna di 79 anni è stata ferita e ricoverata in condizioni di moderata gravità”.

Intelligence Regno Unito: “I russi preparano stock di missili per i bombardamenti invernali”

L’aviazione russa a lungo raggio non conduce attacchi sull’Ucraina da 21 giorni. Lo sottolinea il bollettino dell’intelligence britannica, secondo il quale è probabile che l’Lra “intenda preservare gli stock esistenti di missili As-23 e che stia utilizzando questa pausa per aumentare gli stock utilizzabili in anticipazione di pesanti attacchi contro l’Ucraina nell’inverno”. L’intelligence di Londra ricorda che vi fu una pausa di 51 giorni di attacchi aerei dell’Lra fra il 9 marzo e il 28 aprile. Allora probabilmente l’Lra aveva praticamente esaurito le scorte di missili AS-23 in seguito alla campagna di bombardamenti contro infrastrutture chiave ucraine durante l’inverno. La Russia ha recentemente concentrato gli attacchi aerei con i droni contro installazioni legate al commercio dei cereali nel sud dell’Ucraina. Fra questi vi sono anche attacchi ai porti sul Danubio “che richiedono un’alta precisione data la vicinanza al confine rumeno. E’ probabile che la Russia usi i droni Shahed su questi obiettivi per la loro maggiore precisione rispetto ai missili lanciati da aerei”, conclude il bollettino, riferendosi ai droni di fabbricazione iraniana.

Yermak: “Russi stanno usando il fosforo nella zona di Avdiivka”

Avdiivka. La nostra terra, una città ucraina. I russi si sono impegnati molto in questa zona. Stanno usando il fosforo”. Lo ha scritto su Telegram Andry Yermak, capo dell’ufficio del presidente Volodymyr Zelensky. “Il nostro esercito sta tenendo duro in battaglie difficili. Dobbiamo tutti ricordare che la guerra è in corso. L’obiettivo del nemico rimane lo stesso: ucciderci tutti. I russi non valorizzano il loro popolo, si affidano ai numeri” ha concluso Yermak.

Capo di stato maggiore Kiev sente per la prima volta omologo Usa

“Ho avuto la mia prima conversazione telefonica con il capo dello stato maggiore congiunto degli Stati Uniti Charles Q. Brown” lo ha riferito su Telegram il capo delle forze armate ucraine, Valerii Zaluzhnyi. Brown è entrato in carica a settembre.
Zaluzhnyi ha parlato con Brown informandolo “dettagliatamente” sullo stato attuale della guerra, “sulla situazione operativa al fronte e sulle nostre misure difensive e offensive”. Ma soprattutto, il capo dell’esercito ucraino ha riferito all’omologo statunitense “le necessità urgenti delle Forze armate dell’Ucraina – attrezzature per la difesa aerea, sistemi di artiglieria e proiettili” e lo ha infine ringraziato per il prossimo pacchetto di assistenza militare annunciato dagli Stati Uniti.

Isw: “I russi avanzano verso Avdiivka ma non sfondano”

Le forze russe hanno lanciato un attacco su Avdiivka, nell’oblast di Donetsk. Hanno conquistato circa 4,5 km quadrati ma non sono riuscite a sfondare o ad accerchiare gli ucraini e hanno subito significative perdite di uomini e mezzi, con la distruzione di almeno un battaglione tattico con i suoi tank. E’ quanto si legge sul bollettino giornaliero dell’Institute for the study of War (Isw). La “significativa offensiva in corso” è stata lanciata il 10 ottobre. Secondo l’Isw, le forze russe hanno “attaccato simultaneamente da nord ovest, ovest e sud di Avdiivka con gruppi d’assalto corazzati, velivoli ad ali rotanti, e tiri d’artiglieria concentrati”

(reuters)

Media ucraini: “Esplosioni a Sebastopoli, colpita una nave russa”

Una nave russa sarebbe esplosa nella rada di Sebastopoli, nella Crimea occupata, dopo che un rumore “assordante” è stato avvertito dai residenti della città. Lo riporta il canale Telegram Crimean Wind, ripreso da Rbc-Ucraina, che pubblica anche foto e video dell’imbarcazione dalla quale esce una grande nuvola di fumo. “A quanto pare, la Mrc del progetto 21631 Buyan-M, una nave che trasporta ‘kalibr’ (un tipo specifico di missili, ndr), è esplosa ed avvolta nel fumo”, ha riportato il canale.

Yermak: “Avdiivka resiste, la guerra continua”

“Avdiyivka, la nostra terra, città ucraina. I russi hanno inviato molte forze in questa direzione. I russi puntano sulla quantità. Il nostro esercito sta mantenendo le posizioni in battaglie difficili. Dobbiamo tutti ricordare che la guerra continua”, così il capo dell’ufficio presidenziale ucraino Andriy Yermak ha commentato su X l’attacco russo ad Avdiivka.

Kiev: “Oltre mille russi uccisi in 24 ore, quasi 286mila in totale”

Nelle ultime 24 ore, sarebbero stati uccisi almeno 1.030 soldati russi, portando il totale dei morti dalla parte di Mosca a 285.920 dall’inizio della guerra. Lo afferma il bollettino giornaliero dello stato maggiore di Kiev, mentre diventa sempre più caldo il fronte di Avdiivka, dove i russi stanno avanzando. Secondo l’esercito ucraino, ieri sono stati distrutti 44 sistemi di artiglieria, 26 tank, 49 veicoli corazzati, un sistema di difesa aereo e 33 veicoli militari delle forze russe.

Kiev: 2 morti nei raid russi nel Donetsk, uno è un bambino

Due civili, tra cui un bambino, sono rimasti uccisi nei raid russi nella regione del Donetsk. Altri 7 sono rimasti feriti. Lo riferisce Ukrinform. “Le forze dell’ordine hanno aperto un procedimento penale per violazione delle leggi e degli usi della guerra. Secondo i dati, oggi l’esercito russo ha bombardato Avdiivka, a seguito del quale un uomo di 58 anni e una donna di 61sono rimasti feriti”, ha scritto l’ufficio del Procuratore generale su Facebook. I razzi hanno colpito il villaggio di Bahatyr, nel distretto di Volnovakha dove un bambino di 11 anni è stato ucciso e suo fratello di 6 anni è rimasto ferito. La madre 31enne è stata ricoverata in ospedale con lacerazioni multiple. Anche il villaggio di Halytsynivka, nel distretto di Pokrovsk, ha subito il fuoco russo. Un uomo di 32 anni e una donna di 62 anni sono rimasti feriti, scrive Ukrinform. Nei raid sulla città di Hirnyk, nel distretto di Pokrovsk, una donna di 44 anni è morta e il genero di 24 anni è rimasto ferito.

Russia: perquisizioni in casa degli avvocati di Navalny

Tre degli avvocati che lavorano per l’esponente dell’opposizione Aleksej Navalnyj sono stati perquisiti venerdì dai servizi di sicurezza russi, secondo quanto dichiarato dal suo team. Un alleato in esilio del leader dell’opposizione, Ivan Jdanov, ha parlato su X (ex Twitter) di perquisizioni nelle case di Vadim Kobzev, Igor Sergounine e Alexeï Liptser, che hanno tutti difeso Navalny. Secondo Jdanov, uno degli avvocati, Igor Sergounine, è stato arrestato. “Ovviamente si tratta di misure volte a isolare completamente Navalny”, ha denunciato, aggiungendo che le perquisizioni sono legate a un caso aperto per “partecipazione a un’impresa estremista”

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//vaikijie.net/4/6884838