Google punta ad aggiornare i suoi Termini di Servizio (ToS) – che coprono oltre 70 prodotti – ogni due anni. Con lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, il colosso di Mountain View ha dovuto aggiungere una sezione dedicata all’AI, ora inclusa nei termini di servizio principali. A riguardo, è importante evidenziare un’ultima modifica che recita “Google non rivendicherà la proprietà di quel contenuto (generato dall’AI)”.

L’azienda, per chiarire meglio questo passaggio, ha fornito un esempio piuttosto semplice: se Gemini dovesse generare una poesia, si potrebbe pubblicarla in un libro senza la necessità di una licenza da parte di Google. Per quanto riguarda il resto, Google ha ampliato i termini di servizi aggiungendo ciò che è vietato fare, a partire da “Non devi abusare, danneggiare, interferire o interrompere i nostri servizi o sistemi”, ad esempio diffondendo malware. 

Ancora, è vietatoaccedere o utilizzare i nostri servizi o contenuti in modi fraudolenti o ingannevoli” come ad esempio facendo passare un contenuto creato dall’AI per qualcosa firmato da un essere umano.

Altresì, gli utenti non potranno utilizzare i servizi di Google (inclusi i contenuti) per violare i diritti legali di chiunque, come la proprietà intellettuale oppure i diritti alla privacy.

Altre azioni vietate consistono nel non poter utilizzare i modelli di apprendimento automatico di Google per estrapolare segreti commerciali o altre informazioni private e nel fornire servizi che magari incoraggino gli utenti a violare i termini di servizio della società. 

Infine, oltre a specificare che sono previste delle novità riservate a Paesi specifici, come Francia e Australia, si chiarisce che i nuovi ToS entreranno in vigore il 22 maggio 2024, con Google che da oggi sta inviando un’e-mail dedicata.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//ehokeeshex.com/4/6884838