BOLZANO. “Il bilancio tecnico aveva giocoforza messo a disposizione meno fondi di quelli effettivamente necessari. Con questa prima variazione, i settori che erano sotto-finanziati riceveranno i fondi necessari”, ha spiegato il presidente Kompatscher.

Secondo la delibera odierna, i fondi saranno destinati principalmente ai settori della Sanità, del Personale e del Sociale. In totale saranno disponibili 540 milioni di euro. Mentre i fondi ora disponibili nei settori sanitario e sociale saranno utilizzati principalmente per continuare a finanziare le prestazioni e i servizi in essere, quelli per il settore del Personale saranno destinati principalmente al contratto collettivo intercompartimentale. Ciò significa che il prossimo ciclo di negoziati potrà iniziare per negoziare la seconda parte del contratto.

“L’accordo di coalizione prevedeva chiaramente che avremmo almeno attenuato gli aumenti dei prezzi nel settore pubblico attraverso nuovi contratti collettivi”, ha sottolineato il presidente Kompatscher. Il presidente ha annunciato che i fondi saranno utilizzati, tra l’altro, per gli adeguamenti all’inflazione, i cui dettagli sono ancora in fase di definizione. Il progetto di legge contiene anche diversi articoli di adeguamento delle leggi provinciali, ha informato Kompatscher. In questo modo si garantirà che non vengano impugnate dal Governo. Ad esempio, il presidente della Provincia ha citato la legge sulle grandi concessioni idroelettriche, in cui sono stati apportati alcuni aggiustamenti tecnici; è stato inserito un chiarimento per quanto riguarda la possibilità di favorire le aziende a conduzione familiare nella legge sugli appalti pubblici; nella legge sulla protezione dei pascoli è stata infine inserita una proroga del termine, oltre a un chiarimento in relazione all’esistenza di perizie contraddittorie. Dopo l’approvazione della variazione di bilancio da parte della Giunta provinciale, il testo sarà inviato al Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano. Lì, la terza commissione legislativa se ne occuperà per prima, dopodiché anche l’assemblea plenaria del Consiglio provinciale dovrà approvare la modifica. 

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//atservineor.com/4/6884838