Una svolta potrebbe essere vicina per il caso di Gianmarco Pozzi, detto Jimmy, campione di kickboxing morto in circostanze misteriose a soli 28 anni nell’isola di Ponza il 9 agosto 2020. Si tratta di due tracce di dna sconosciuti ritrovati sulla carriola con la quale sarebbe stato trasportato e poi gettato in un fosso il cadavere della vittima. Lo riporta il Corriere della Sera. I residui del codice genetico, rintracciati attraverso le analisi del Ris dei carabinieri, potrebbero appartenere al killer del campione, ucciso dopo essere stato picchiato in maniera selvaggia.

Sono stati i legali della famiglia Pozzi, gli avvocati Fabrizio Gallo e Marco Malara, a portare all’attenzione della Procura di Cassino – che ha aperto un’inchiesta per omicidio volontario – una lista di persone con cui confrontare il dna di origine sconosciuta. Soggetti con cui Pozzi ha avuto dei rapporti nel periodo in cui ha lavorato a Ponza come buttafuori. Alcuni sarebbero altri buttafuori dei locali dell’isola. Altri titolari di attività commerciali a Ponza. Inoltre ci sono anche persone appartenenti alle forze dell’ordine locali con i quali Jimmy avrebbe avuto un pesante litigio qualche giorno prima del delitto. Lite inerente alla vita privata della vittima

Quella che accende un riflettore proprio sulla vita privata di Pozzi è una delle piste battute più di recente. Come hanno sottolineato alcune persone che conoscevano bene Jimmy. Il ritrovamento della carriola, rinvenuta a giugno, e le tracce di dna potrebbero rappresentare la tanto attesa svola nell’indagine che al momento non vede nessun indagato.

Nonostante fosse passato parecchio tempo dall’omicidio di Pozzi, un testimone aveva riferito di aver visto la notte della tragedia tre persone trasportare dentro la carriola il corpo di un uomo, coperto da un telo nero. Cercata per molto tempo, la carriola, avvolta dalle sterpaglie, è stata recuperata a 145 metri dal luogo in cui fu trovato il corpo della vittima. Rivenuto nell’intercapedine tra due edifici in una zona residenziale di Ponza.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//keewoach.net/4/6884838