Per l’andata dei quarti di Europa League, Milan-Roma 0-1 CRONACA. Gol di Mancini al 17′.

San Siro gremito per la sfida tutta italiana, con Stefano Pioli che schiera Malik Thiaw centrale accanto a Matteo Gabbia. A centrocampo, rossoneri con Ismael Bennacer e Ruben Loftus-Cheek dall’inizio. Nelle fila della Roma, Chris Smalling dal primo minuto in una difesa a che lo vede accanto di Gianluca Mancini, con Zeki Celik e Leonardo Spinazzola sugli esterni. In avanti El Shaarawy con Dybala e Lukaku. 

 

La vigilia:

Centottanta minuti che valgono una stagione. Il Milan affronta la Roma a San Siro nell’ennesimo derby italiano lungo la strada europea. Lo scorso anno affrontò Napoli e Inter in Champions League, ora tocca alla Roma di De Rossi, in un quarto di finale di Europa League che “deciderà anche le valutazioni finali”, ammette Stefano Pioli in conferenza stampa. Due partite delicate e insidiose che incideranno sul futuro del tecnico e del club in generale.
Ma a Milanello, sotto pioggia e vento più autunnali che primaverili, si respira serenità, concentrazione e tanta voglia di imporsi. “Siamo in un momento buono, sì ma andesso arriva quello più importante che deciderà anche le valutazioni finali.
E’ il momento in cui dobbiamo dimostrare la nostra forza. Il momento in cui dimostrare che il percorso che abbiamo avuto, tra alti e bassi, ci ha sicuramente migliorato”. Pioli è carico, ha le semifinali a portata e non vuole lasciarsele scappare. La squadra sta bene sia mentalmente che fisicamente, reduce dal record di cinque successi consecutivi in campionato e con un Rafael Leao deciso a vincere il confronto con Dybala. C’è sicurezza nei propri mezzi, tanto che sia l’allenatore rossonero che Ismael Bennacer – seduto al suo fianco in conferenza – negano un gap tecnico tra le grandi di Europa e il Milan. “Non siamo così distanti, l’anno scorso siamo arrivati in semifinale di Champions – ricorda il tecnico -, la sfida di ieri tra Real e City era di un livello tecnico fantastico ma entrambe le squadre hanno commesso errori importati nei primi gol subiti. Però hanno continuato a giocare con mentalità e superando anche le difficoltà. Noi non possiamo pensare di neutralizzare la Roma in tutto per tutto. Non possiamo perdere la fiducia se in alcune occasioni avranno la meglio loro. Sulla carta sia il Milan che la Roma possono dare spettacolo”.
La sfida di San Siro è incerta. La Roma affrontata e battuta in campionato non c’è più. De Rossi ha cambiato volto e atteggiamento al gruppo giallorosso. “È un’altra storia, un altro modo di giocare, di intendere la partita – spiega Pioli – con altre posizioni in campo. Non abbiamo parlato e non abbiamo rivisto le sfide di campionato ma ci siamo concentrati sulle nuove posizioni e sui nuovi concetti che De Rossi e avversari”.
Anche l’atmosfera sarà diversa rispetto al campionato. C’è grande attesa nell’ambiente rossonero. A San Siro è atteso anche Gerry Cardinale per assistere al match e poi far ritorno negli Stati Uniti. Una vittoria potrebbe addolcire il giudizio del numero uno di Red Bird che ha ribadito più volte di non è soddisfatto della stagione del Milan. “E’ una delle partite più importanti della stagione. Siamo pronti e preparati fisicamente e mentalmente. Sarà una bella sfida”, assicura Bennacer. Un primo round da vincere per i rossoneri così da arrivare settimana prossima all’Olimpico con un vantaggio importante e mezzo biglietto per le semifinali già in tasca. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//ceeheesa.com/4/6884838