E’ salito a 13 morti, vari feriti e 70 arresti il bilancio delle violenze provocate da bande criminali, soprattutto nella provincia ecuadoriana di Guayaquil a seguito dello stato di emergenza introdotto dal presidente Daniel Noboa. Secondo il quotidiano El Diario, le autorità ecuadoriane ancora non forniscono cifre ufficiali su vittime e violenze, per cui quelle pubblicate nelle ultime ore sono solo la somma di informazioni pubblicate attraverso fonti della polizia o delle amministrazioni locali. Comunque ai due morti di Nobol e agli otto morti di Guayaquil comunicati ieri, se ne sono aggiunti altri tre nel quartiere di Isla Trinitaria, sempre a Guayaquil.

Intanto la polizia dell’Ecuador, attraverso il suo account X, ha segnalato che le persone arrestate nelle ultime 24 ore per attentati e atti di terrorismo sono salite a 70. Il giornale indica infine che Guayaquil è stato effettivamente l’epicentro delle violenze, con 29 attacchi ad edifici, tra cui cinque ospedali e il canale pubblico TC Television, assaltato da “un commando di terroristi” poi arrestati. 

L’ex presidente ecuadoriano Rafael Correa ha manifestato il suo appoggio all’azione del governo di Daniel Noboa impegnato a contrastare in Ecuador l’ondata di violenza. In un video diffuso attraverso le sue reti social Correa, che vive esule in Belgio perché colpito da una condanna per corruzione da lui respinta, ha sostenuto che “il Paese vive in un vero e proprio incubo, qualcosa di impensabile e inimmaginabile solo qualche tempo fa”. Dopo aver sostenuto che questo è “il frutto della sistematica distruzione dello stato di diritto, degli errori e dell’odio accumulati in questi ultimi sette anni e di cui siamo stati una delle principali vittime”. Ma oggi, ha proseguito, “è il momento dell’unità nazionale, perché il crimine organizzato ha dichiarato guerra allo stato, e lo stato deve prevalere. e vincere”. Presidente Daniel Noboa, dice poi, “riceva tutto il nostro illimitato sostegno e, per favore, non ceda”, perché “qualsiasi errore e le nostre divergenze politiche potranno essere discusse il giorno dopo della vittoria. La Patria vincerà nuovamente!”.

L’Assemblea nazionale dell’Ecuador ha pure espresso il suo sostegno alle Forze armate e di polizia del Paese, in seguito alla dichiarazione di “conflitto armato interno” del presidente Noboa, motivata dall’invasione di un gruppo armato in un canale televisivo a Guayaquil e da attacchi simultanei in diverse città.

In una dichiarazione pubblica, firmata dai rappresentanti di tutti i partiti, il Parlamento – che ieri era stato evacuato a causa dei disordini – ha precisato che il sostegno include l’adozione di indulti e/o amnistie nei casi necessari per garantire il lavoro degli addetti alla pubblica sicurezza.
Il Congresso ha inoltre appoggiato l’azione del governo in materia di sicurezza per ripristinare la pace e l’ordine nel territorio nazionale, oltre a chiedere che i responsabili delle evasioni dal carcere siano individuati e puniti. I parlamentari hanno sottolineato che stanno lavorando in unità, indipendentemente dalle diverse correnti politiche e ideologiche che rappresentano. “La situazione attuale richiede collaborazione e coesione. Siamo impegnati ad affrontare questa sfida in modo responsabile e comune”, hanno sottolineato. 

Guayaquil, città portuale dell’Ecuador, è l’epicentro dell’ondata di violenza. Le vittime – riferisce il sindaco Aquiles Alvarez in una conferenza stampa – sono state registrate nel corso di diversi attacchi contro la popolazione civile e contro la polizia registrati nel corso della giornata. Un commissariato è stato colpito da un attentato, mentre due addetti alla sicurezza di un centro commerciale sono stati freddati dai criminali per aver impedito l’accesso ai locali affollati. In tutto 14 persone sono state arrestate.

Le aree sensibili e i penitenziari sono circondati dalle forze armate. Il presidente Noboa ha dichiarato ieri lo stato di “conflitto armato interno” a seguito delle violenze generalizzata messe in atto da parte di organizzazioni criminali di narcotrafficanti. 

Video Ecuador, l’irruzione armata nello studio della Tc in diretta tv

 

Nel decreto firmato ieri Noboa ha elencato la presenza sul territorio nazionale di ben 21 gruppi del crimine organizzato transnazionale, caratterizzati come “organizzazioni terroristiche e attori non statali belligeranti”. Alle forze dell’ordine l’articolo 4 del decreto ordina l’identificazione e la neutralizzazione dei seguenti gruppi: Aguilas, AguilarKiller, AK47, Dark Knights, ChoneKiller, Choneros, Corvicheros, Cuartel de las Feas, Cubanos, Fatales, Gánster, Kater Piler, Lagartos, Latin Kings, Lobos, Los p .27, Los Tiburones, Mafia 18, Mafia Trébol, Patrones, R7 e  Tiguerones.

 

 

 Il ministero della Salute dell’Ecuador ha disposto la sospensione a data da destinarsi di tutti i servizi ambulatoriali, ricoveri e interventi chirurgici programmati, sottolineando che nel Paese saranno garantiti solo i servizi di emergenza negli ospedali

Ieri, in drammatiche immagini trasmesse in diretta, che hanno fatto il giro del mondo sui social, uomini incappucciati, vestiti con delle tute sportive, con in mano granate e fucili mitragliatori hanno preso in ostaggio diversi giornalisti e tecnici della tv, minacciandoli di morte. Molti giornalisti con le mani giunte li pregano di aver salva la vita. Dopo una mezz’ora di panico, le luci dello studio si sono spente e s’è solo potuto sentire l’arrivo delle forze speciali della Polizia. “Per favore, sono venuti per ucciderci. Dio non permettere che ciò accada. I criminali sono in onda”, ha detto all’AFP uno dei giornalisti in un messaggio su WhatsApp.

Durante l’assalto alla tv, il presidente Noboa ha chiesto per decreto lo spiegamento e l’intervento immediato delle forze di sicurezza contro il crimine organizzato. Noboa ha identificato come “terroristiche” e “attori non statali” alcune delle più potenti organizzazioni criminali di narcotraffico attive sul territorio. 

Il caos si è riservato nelle strade con i militari per strada mentre si moltiplicano i saccheggi dei centri commerciali. Alcuni hanno filmato uomini armati mentre sparano a vetture della polizia e diverse macchine bruciate per strada. Si moltiplicano appelli a rimanere per casa, mentre c’è chi segnala di bande di criminali che stanno cercando di fare irruzione nelle università per catturare degli ostaggi. 

 

L’Ambasciata d’Italia in Ecuador fornisce un numero di emergenza

L’Ambasciata d’Italia in Ecuador informa i cittadini italiani presenti nel Paese che sta seguendo con la massima attenzione gli sviluppi della situazione in corso. Raccomanda inoltre, per qualsiasi situazione di emergenza, ad utilizzare il numero telefonico messo a disposizione +593(0) 999780861.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//thefacux.com/4/6884838