La procura dei minori di Roma sta svolgendo tutti gli approfondimenti sul caso dei video finiti sui social girati da sei ragazzini di Latina, tutti tra di 11 e i 12, che torturano come passatempo un 46enne disabile.

I gesti sono di ogni genere: una volta lo spogliano, un’altra lo legano alla panchina del parco, altre lo umiliano facendosi baciare i piedi a ciascuno di loro. Nei video il sottofondo delle risate.

Come riporta Latina Oggi, i ragazzini, alcuni figli di noti professionisti del capoluogo pontino, si sono difesi sostenendo si trattasse di un scherzo, di un giocattolo.

“Volevamo solo giocare”, hanno detto agli inquirenti che devono capire la portata della diffusione del video condiviso da molte persone, anche su profili social aperti.

I ragazzini avevano anche aperto un profilo Instagram del 46enne che, senza ribellarsi, sarebbe stato sfruttato dal gruppo per farsi comprare panini e vestiario.

I sei sono stati individuati dopo alcuni danneggiamenti in un centro commerciale, da qui la scoperta delle altre imprese da bulli che il personale specializzato nell’ascolto dei minori ha fatto emergere nel corso di colloqui mirati. Vista la giovanissima età, non ci saranno conseguenze penali.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//ookroush.com/4/6884838