Newcastle-Milan 1-2 LA CRONACA e Atletico Madrid Lazio 2-0 LA CRONACA per la sesta e ultima giornata della fase a gironi di Champions League. I rossoneri chiudono il girone F al terzo posto e disputeranno l’Europa League. I biancocelesti, già qualificati agli Ottavi, chiudono il girone al secondo posto

Dortmund – Paris Sg 1-1 (0-0) nel girone del Milan. Il Borussia si qualifica agli ottavi di finale da primo in classifica, i f rancesci come secondi.

Atletico Madrid – Lazio


 

Lipsia-Young Boys 2-1 (0-0) in una partita dell’ultima giornata del girone G di Champions League, giocata a Lipsia. I gol: nel st 6′ Sisko (L), 8′ Colley, 11 Forsberg (L). I tedeschi erano già qualificati agli ottavi di finale come secondi, alle spalle del Manchester City, e gli elvetici erano già certi del terzo posto con accesso agli spareggi di Europa League.

Newcastle – Milan


 

Stella-Rossa-Manchester City 2-3 (0-1) in una partita dell’ultima giornata del girone G di Champions League, disputata a Belgrado. I gol: nel pt 19′ Hamilton; nel st 17′ Bobb, 31′ Hwang (SR), 40′ Phillips (rig.), 46′ Katai (SR). Gli inglesi, già qualificati agli ottavi di finale come primi in classifica, chiudono a punteggio pieno. I serbi erano già certi dell’eliminazione come quarti.

 

RISULTATI 

CLASSIFICHE 

 

Atletico Madrid cinico, un gol per tempo e Lazio battuta 

 All’Atletico Madrid bastava un pari per chiudere al primo posto il girone E della Champions. La formazione di Diego Simeone invece ha giocato per vincere. Contro la Lazio ha centrato l’obiettivo indirizzando entrambe i tempi con un gol segnato quasi subito, al 6′, per poi addormentare il gioco e controllare la reazione. E la Lazio una reazione ha provato ad organizzarla, specie dopo aver subito la prima rete. Ma la formazione di Maurizio Sarri è parsa inevitabilmente zavorrata dal pensiero di un passaggio agli ottavi comunque già in tasca e dall’incombenza del difficile impegno casalingo di campionato contro l’Inter. Il tecnico toscano sorprende, schierando titolare non Castellanos ma Immobile, mentre Pedro è preferito a Felipe Anderson e Zaccagni completa il tridente d’attacco. Vecino sostituisce lo squalificato Rovella come trequartista e parte dalla panchina Lazzari, al suo posto Hysaj. Simeone separa i suoi gemelli del gol: in campo dall’inizio Griezmann, ma a Morata preferisce l’argentino Angel Correa. Witsel, utilizzato soprattutto nella posizione di difensore centrale, è spostato a centrocampo al posto di Koke, anche lui in panchina. Nota di contorno: nel pomeriggio la Primavera laziale ha ottenuto la prima storica vittoria europea, battendo 1-0 a domicilio gli spagnoli nella Youth League. Non è l’Atletico a dover fare la partita, ma parte comunque forte e ben presto è già avanti grazie al preciso diagonale di Griezmann, trovato liberissimo in area dal brasiliano Samuel Lino, 23 anni, che si rivelerà il migliore dei suoi per pericolosità e dinamismo. La Lazio però non è spettatrice e prima Zaccagni, poi Guendouzi si presentano dalle parti di Oblak. Passato in vantaggio, l’Atletico ha l’orologio dalla sua e rallenta, tiene palla. I biancocelesti devono alzare il pressing per riconquistarla. Sarri vuole più aggressività ed al 26′ è accontentato dalla percussione di Luis Alberto a sinistra, ma Immobile mette a lato. L’Atletico rompe una fase di leggero affanno e Provedel respinge coi pugni un tiro di Lino, esterno dotato anche di un ottimo dribbling. Al 38′ i padroni di casa raddoppiano con Hermoso. Richiamato dal Var, l’arbitro Gözübüyük però annulla per il fuorigioco attivo di Lino. La Lazio chiude in avanti, Immobile lotta e fa ammonire Gimenez, ma il pari non arriva. Ad inizio ripresa Griezmann lascia il posto all’olandese Depay. Come avvenuto nel primo tempo, l’Atletico non dà tempo agli avversari di ragionare ed al 6′ raddoppia. Il gran destro al volo di Lino, servito da Depay, batte Provedel. Arriva il momento di Morata, gli fa posto Correa. Sarri comincia a pensare alla partita di domenica con l’Inter e dosa le forze: fuori prima Marusic e Pedro per Lazzari e Felipe Anderson, quindi Immobile e Luis Alberto per Castellanos e Kamada. Depay su punizione chiama Provedel alla difficile respinta, sulla quale Morata spreca il 3-0, che sarebbe una punizione troppo pesante. Il posto in Champions a febbraio è garantito, ma contro i primi della classe in Serie A servirà un’altra Lazio, più attenta, veloce e coraggiosa.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//whoawhoax.com/4/6884838