Dieci attivisti di Ultima Generazione hanno colorato con vernice arancione l’Arco della Pace, a Milano, utilizzando degli estintori, e srotolando nel frattempo uno striscione arancione con la scritta Fondo Riparazione. Lo si legge in una nota, che spiega che il blitz è durato pochi minuti, dalle 16.10 alle 16.15 quando sono arrivate le forze dell’ordine che hanno portato le dieci persone in questura a Milano.
    “Quanto sta accadendo a Gaza riguarda tutti noi da vicino!” ha detto Mattia, attivista che ha partecipato all’azione di disobbedienza civile, spiegando che “le armi strumento del conflitto in atto sono progettate e vendute anche dalla Leonardo, azienda italiana partecipata al 30% dallo Stato; Eni intanto ha avuto nuove licenze per lavorare su giacimenti di gas naturale al largo delle coste di Israele. I protagonisti sono gli stessi ricchi e potenti che aggravano da anni la crisi climatica e sociale per preservare i propri interessi e profitti e questo influenza profondamente la politica interna ed estera”.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

//eetognauy.net/4/6884838