Sono ormai già diversi anni che Apple ha iniziato a produrre sia iPhone, iPad, MacBook, AirPods e altri dispositivi sia in India che in Vietnam per spostare parte della sua produzione al di fuori della Cina (dove ha comunque intenzione di continuare a investire) nel tentativo di ridurre al minimo le conseguenze dei rischi geopolitici viste anche le crescenti tensioni con gli Stati Uniti.

Progressivamente, la società di Cupertino ha iniziato ad attribuire alle fabbriche dei suoi partner in questi Paesi sempre più responsabilità e ora starebbe valutando la possibilità di realizzare alcuni dei suoi prodotti anche in Indonesia. A confermare questa possibilità è stato direttamente l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, che si trova in questi giorni nel Paese dove è stata inaugurata la quarta Apple Developer Academy.

Rispondendo ai giornalisti a margine dell’incontro avuto a Giakarta con il presidente indonesiano Joko Widodo, Cook ha affermato che Apple esaminerà la fattibilità della produzione locale:

“Abbiamo parlato del desiderio del presidente di portare la produzione nel paese, ed è qualcosa che prenderemo in considerazione. La capacità di investimento in Indonesia è infinita”.

Dopo India e Vietnam, dove Cook ha trascorso un paio di giorni per incontrare fornitori, sviluppatori di app e studenti, al fine di rafforzare i legami con il Paese, la produzione in Indonesia potrebbe aiutare Apple a sfruttare al meglio il mercato emergente del sud-est asiatico che vanta oltre 650 milioni di consumatori.

Il presidente Jokowi, com’è popolarmente conosciuto, sta cercando di spostare le catene di approvvigionamento manifatturiero globale nella più grande economia del Sud-Est asiatico per stimolare la crescita. Il governo si è già assicurato investimenti da parte delle case automobilistiche Hyundai e BYD. Jokowi, inoltre, ha già incontrato anche il CEO di Tesla, Elon Musk, e potrebbe incontrare il CEO di Microsoft, Satya Nadella, alla fine di aprile.

Apple, come detto, ha inaugurato in questi giorni la quarta Developer Academy sull’isola turistica di Bali come parte di uno sforzo per soddisfare i requisiti di componenti e software prodotti localmente per smartphone e altri dispositivi. Secondo quanto affemato dal ministro delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione Budi Arie Setiadi, anch’egli presente all’incontro, Apple avrebbe investito complessivamente 1,6 trilioni di rupie (98,5 milioni di dollari) in queste quattro accademie.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *